L’Aquila, dal 13 al 17 maggio la Scuola Internazionale “Operational Space Weather Fundamentals”

di Redazione | 09 Maggio 2024 @ 16:31 | TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – L’Università degli Studi dell’Aquila ospiterà, dal 13 al 17 maggio presso il Centro Congressi “Luigi Zordan”, la Scuola Internazionale “Operational Space Weather Fundamentals”, organizzata nell’ambito di una collaborazione tra Consorzio Area di Ricerca in Astrogeofisica, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Istituto Nazionale di Astrofisica, Università degli Studi dell’Aquila, Dipartimento di Scienze Fisiche e Chimiche, Millersville University, USA.

La scuola, dedicata alla Meteorologia Spaziale (“Space Weather”) gode anche del patrocinio di importanti istituzioni scientifiche internazionali, quali l’International Union of Geodesy and Geophysics, l’International Association of Geomagnetism and Aeronomy, l’European Space Weather and Space Climate Association. Lo svolgimento di questa scuola ribadisce il ruolo che la città dell’Aquila svolge, ormai da oltre trent’anni, come sede di formazione di livello internazionale in discipline inerenti alla Fisica dello Spazio, l’Astrofisica e la Fisica della Magnetosfera Terrestre.

La Scuola è rivolta a dottorandi e giovani ricercatori in Fisica spaziale, Scienze planetarie, Ingegneria aerospaziale e materie affini, nonché a giovani professionisti operanti in Agenzie di monitoraggio e industrie legate alla meteorologia spaziale. Obiettivo della scuola è quello di offrire ai giovani ricercatori una visione completa dei fenomeni legati all’attività solare (che hanno oggi un forte impatto sul nostro pianeta, con notevoli implicazioni di carattere tecnologico ed economico), prestando attenzione particolare agli aspetti pratici del monitoraggio e delle previsioni.

Le lezioni teoriche saranno integrate da attività di laboratorio che vedranno il coinvolgimento diretto e attivo degli studenti, per far loro toccare con mano i potenziali effetti dannosi della meteorologia spaziale per le infrastrutture a terra e nello spazio circumterrestre. Inoltre, verranno accuratamente presentate e discusse le competenze necessarie per operare nei Centri di ricerca e sorveglianza dedicati alla meteorologia spaziale. La scuola sarà diretta dai proff. Domenico Di Mauro (INGV), Stefania Lepidi (INGV), Mauro Messerotti (INAF), Tamitha Skov (Millersville University).

Tra le numerose domande pervenute, il Consiglio Scientifico della Scuola, ha selezionato 52 giovani ricercatori provenienti da tutto il mondo. Opereranno in qualità di docenti i massimi esperti a livello internazionale. Come da tradizione, la Scuola ha offerto la partecipazione gratuita a giovani qualificati che operano nelle discipline in questione presso l’Università degli Studi dell’Aquila e ospita giovani promettenti provenienti da Paesi in via di sviluppo.


Print Friendly and PDF

TAGS