L’Aquila, Consiglio comunale sul bilancio di previsione 2023-2025

di Redazione | 10 Marzo 2023 @ 19:55 | POLITICA
sicurezza l'aquila
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Il Consiglio comunale dell’Aquila tornerà a riunirsi mercoledì 15 marzo in prima convocazione e venerdì 17 marzo in seconda, alle 9, nella sala Sandro Spagnoli dell’Emiciclo. Lo rende noto il presidente, Roberto Santangelo.

L’Aula esaminerà il Documento unico di programmazione (Dup) e il bilancio di previsione 2023-2025 del Comune. In precedenza, il Consiglio sarà chiamato ad approvare gli atti propedeutici, vale a dire il piano delle alienazioni e valorizzazione immobiliari; la verifica di aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie, che potranno essere ceduti in proprietà o in diritto di superficie; il regolamento per la definizione agevolata delle controversie tributarie; le modifiche al regolamento per la disciplina dell’imposta municipale propria (Imu e Tari); le aliquote e le detrazioni imu per l’anno in corso; il dup e il bilancio di previsione 2023-2025 dell’istituzione Centro servizi anziani.

Questi provvedimenti hanno già avuto il parere favorevole della prima commissione consiliare (Bilancio e Programmazione), mentre quelli relativi a dup e bilancio del Comune passeranno al vaglio della quinta commissione (Garanzia e Controllo) lunedì 13 marzo, alle 9 in prima e alle 9.30 in seconda convocazione, nella sala Eude Cicerone della presidenza del Consiglio comunale, in via Filomusi Guelfi.

Il presente messaggio, corredato dei relativi allegati, contiene informazioni confidenziali e riservate, tutelate legalmente dal Regolamento UE n.679/2016 e da leggi civili e penali in materia, ed è destinato esclusivamente al destinatario sopra indicato, il quale è l’unico autorizzato ad usarlo, copiarlo e, sotto la propria responsabilità, diffonderlo. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato è pregato di rinviarlo immediatamente al mittente, distruggendone l’originale, ed è avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone non autorizzate costituisce condotta punibile penalmente ai sensi degli artt.616 e 618 c.p.p. e che tutti i danni che dovessero derivare, al mittente o a terzi, a causa di tale illecita condotta saranno oggetto di tutela risarcitoria ex art.2043 c.c. dinanzi alla competente autorità giudiziaria.


Print Friendly and PDF

TAGS