L’Aquila, Cgil: “Forti criticità socio economiche per donne e giovani”

Il segretario generale provinciale Marrelli: "E’ necessario rilanciare l’occupazione, difendere il lavoro, sostenere i redditi e contrastare la povertà.

di Redazione | 20 Agosto 2022 @ 20:13 | ATTUALITA'
cgil
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Dall’analisi dei dati Istat per l’anno 2021 si evince che il quadro socio-economico della provincia dell’Aquila continua a presentare tratti di forte criticità. La condizione di particolare vulnerabilità riguarda maggiormente giovani e donne. Lo sottolinea il segretario provinciale della Cgil Francesco Marrelli.

“Il tasso di disoccupazione – si legge nella nota del sindacato – nel 2021 si attesta al 9,5% mentre nell’anno precedente era dell’8,2%; il segno assolutamente negativo riguarda le donne con un tasso di disoccupazione che sale nel 2021 al 13.5%, contro il 9,4% del 2020. La situazione assume particolare rilevanza se andiamo ad analizzare il dato sulla disoccupazione giovanile. Infatti, il tasso di disoccupazione nella fascia di età 15-24 passa dal 31,4% del 2020 al 32,6% del 2021, con un tasso di disoccupazione giovanile femminile, per l’anno 2021, che si attesta al 46,6%.

Per le donne risulta in calo anche il tasso di occupazione, che passa dal 47,5% del 2020 al 45,3% del 2021. Tale situazione – si legge ancora – pone seriamente a rischio la possibilità di un rilancio occupazionale per i giovani e per le donne. Per queste ultime continuano a incidere negativamente le condizioni legate alla scarsità dei servizi, alla contrazione dei livelli occupazionali, alle varie tipologie di lavoro – basti pensare ai part-time involontari e ai bassi salari – che rischiano di compromettere non solo un eventuale rilancio, ma addirittura il mantenimento della loro condizione occupazionale”.

Anche sul fronte salariale la situazione non è diversa. “Basta leggere i dati del rendiconto annuale dell’Inps Abruzzo 2021 per capire quanto siano inferiori le retribuzioni delle donne rispetto a quelle degli uomini – rimarca Marrelli -. Nella gestione privata, la retribuzione media annua pro-capite nella categoria operai per un uomo vale euro 17.768,4, per una donna 9.306,8 euro; per un impiegato uomo euro 29.043,1 e per una donna 17.943 euro; per un dirigente uomo la retribuzione media ha un valore di 127.637,4 euro, mentre per una donna di 74.814 euro . La grave sofferenza sociale riscontrata nella nostra provincia viene evidenziata anche dall’utilizzo di prestazioni di contrasto alla povertà. Infatti, il reddito di cittadinanza e la pensione di cittadinanza interessa oggi quasi il 6% della popolazione e la nostra provincia nella fase di piena pandemia, anno 2020 e 2021, ha visto il maggior numero di domande di reddito di emergenza presentate rispetto alle altre province abruzzesi, con circa 11996 domande su 35000 inoltrate all’Inps. Bisogna sottolineare che tale prestazione di contrasto alla povertà si configurava come residuale rispetto alle altre misure Covid-19 ed allo stesso Reddito di Cittadinanza. Infatti risulta, altresì, rilevante il dato relativo alle ore di Cassa Integrazione ordinaria, straordinaria ed in deroga, autorizzate nell’anno 2021 che corrispondono a circa 6.608.834.

Nelle aree interne della regione Abruzzo l’aumento dei prezzi dell’energia, delle materie prime e dell’inflazione sta generando una forte preoccupazione per la stagione invernale, con il rischio concreto che le persone con fragilità maggiori debbano rinunciare a scaldare la propria casa, dopo aver rinunciato a tanti altri elementi di consumo. 

Torniamo a ribadire – è la richiesta del sindacato – la necessità di rimettere al centro del dibattito politico il lavoro, i redditi, i diritti. Solo attraverso la partecipazione, come elemento di costruzione di scelte condivise, è possibile superare questa ennesima crisi sociale ed economica. È necessario invertire immediatamente una tendenza, che da troppo tempo insiste sui nostri territori, attraverso la ricerca di idee, il superamento delle disuguaglianze, il contrasto alla povertà, lo sviluppo di nuove competenze, un utilizzo ragionato delle risorse pubbliche, la valorizzazione ed il potenziamento del sistema pubblico dei servizi, la stabilità occupazionale, gli investimenti pubblici e privati derivanti anche dalle risorse del PNRR, la tutela e la conservazione ambientale. Argomenti questi che devono essere alla base di un grande confronto tra le istituzioni, la politica, le parti sociali e le associazioni che operano sul territorio”.

 


Print Friendly and PDF

TAGS