L’Aquila, Call Center Tecnocall: interviene Romano

Aggiornamento - I sindacati dal prefetto dell’Aquila

di Redazione | 28 Novembre 2023 @ 18:42 | POLITICA
Call Center
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Ho depositato stamattina tutti gli atti utili alla convocazione di un Consiglio Comunale straordinario sulla salvaguardia dei livelli occupazionali del Call Center Tecnocall di Monticchio; la seduta dovrà tenersi alla presenza dei membri abruzzesi del Governo nazionale, dei parlamentari abruzzesi e delle sigle sindacali rappresentative dei 110 lavoratrici e lavoratori a rischio licenziamento. Spero che la presidenza voglia calendarizzare la seduta il prima possibile senza usufruire dei 20 giorni a disposizione, guadagnando così tempo utile per la ricerca di una soluzione al problema e tenendo in debito conto l’ordine del giorno di giugno votato che già si esprimeva all’unanimità a tutela dei livelli occupazionali della Tecnocall.

Da allora, infatti, si sarebbe dovuta mantenere alta l’attenzione sulla salvaguardia dei livelli occupazionali nelle more della successione del contratto di appalto coincidente al passaggio da un regime all’altro di mercato e, proprio a questo fine, blindare la clausola sociale di cui all’art. 1 comma 10 della legge 11/2016 che consente la necessaria tutela dei lavoratori nella fase di transizione.”

Così Paolo Romano, consigliere comunale L’Aquila Nuova.

Vertenza Tecnocall, i sindacati dal prefetto dell’Aquila: “Non abbasseremo la guardia”

A seguito dell’appello delle segreterie provinciali di ieri 27.11.2023

http://www.laquilablog.it/wp-admin/post.php?post=299803&action=edit

“Oggi 28 novembre 2023, le delegazioni di SLC-Cgil, FISTEL-Cisl, UIlCOM-Uil ed Ugl-Telecomunicazioni sono state ricevute da S.E. il Prefetto dell’Aquila dott. Di Vincenzo Giancarlo.”

È quanto si legge in una nota congiunta delle segreterie provinciali Slc-CgilFistel-CislUilcom-UilUgl-Telecomunicazioni.

“Abbiamo portato alla sua attenzione la particolare condizione delle lavoratrici ed i lavoratori impiegati nell’appalto Acea ed addetti al servizio di maggior tutela. Servizio che con la fine dell’anno, a norme attuali cesserà, senza nel frattempo aver trovato adeguate soluzioni di continuità lavorativa per il personale oggi impiegato sul servizio.”

“A Sua Eccellenza abbiamo consegnato una corposa relazione affinché possa giungere nei luoghi della decisione, il governo del paese.”

“Abbiamo trovato attenzione, disponibilità e consapevolezza circa la delicata vicenda ed i rischi che il mancato governo della stessa potrebbe causare a più di cento famiglie che attendono di ritrovare serenità, di poter tornare a guardare con fiducia al futuro.

Oggi stesso a conclusione dell’incontro in Prefettura, al fine di responsabilizzare tutti i livelli politici ed esecutivi della regione Abruzzo abbiamo inviato una richiesta di incontro.”

“Ci attendiamo di essere convocati ed ascoltati affinché anche la Regione Abruzzo si faccia parte attiva nella ricerca delle necessarie soluzioni. Noi non abbasseremo la guardia. Siamo pronti ad agitare il Natale della città e dei suoi rappresentanti politici.  Noi agitati già siamo…”



Print Friendly and PDF

TAGS