L’Aquila, Autismo Abruzzo: “Appello alla Regione e Asl per la cura odontoiatrica di persone non collaboranti”

di Redazione | 07 Maggio 2021, @11:05 | SALUTE E ALIMENTAZIONE
Print Friendly and PDF

In merito all’articolo riceviamo la seguente precisazione: l’attuale primario della U.O a D.U. di Chirurgia Maxillofacciale è il prof Giovannetti Filippo, il quale ha preso servizio come responsabile dell’UO il giorno 01/05/2021 che scrive: “Ovviamente sono perfettamente in linea con quanto riportato nell’articolo nel creare un centro con l’istituzione di un  HUB regionale per la prevenzione il trattamento di patologie odontoiatriche e del cavo orale nei pazienti con disabilità, e confermo che è massimo l’impegno mio e dei miei collaboratori a prestare sempre un servizio adeguato e sempre più funzionale per la cittadinanza.”

 

L’AQUILA – “Ancora una volta un intervento chirurgico in anestesia generale per l’estrazione di due denti devitalizzati e alcune carie.” La nota di Autismo Abruzzo. 

“Esami del sangue, visita anestesiologica e tampone: una passeggiata. Ogni volta nel percorso di preparazione all’intervento siamo accolti al meglio dai professionisti del Maxillo Facciale del San Salvatore e sistematicamente ci viene riportata la necessità della “prevenzione” una parola quasi magica che ci permetterebbe di evitare tutto questo e non occupare quasi abusivamente la sala chirurgica.

Una struttura dedicata alle persone non collaboranti, che possa attuare un programma specifico di prevenzione, ma anche di interventi che oltre alla rimozione dei problemi possa anche operare per il ripristino della dentatura. Ne parlammo la prima volta con l’ex Presidente Gianni Chiodi, il quale investì del problema l’Agenzia Sanitaria Regionale. Dopo qualche mese circolarono diverse bozze di “protocollo per la salute orale” che però non prevedevano la “prevenzione” e spazi e servizi dedicati alle persone non collaboranti. Abbiamo rappresentato da anni alle istituzioni un esempio all’avanguardia attivo a Catania dove la Struttura creata dal Prof. Spampinato offre servizi di grande qualità, arrivando anche ad estendere l’attività di prevenzione a domicilio. Spazi dedicati alle famiglie, uso di strumenti e tecnologie innovative hanno permesso di abbattere notevolmente l’accesso alla sala chirurgica per la salute orale. Oltre ai disagi per gli utenti occorre evidenziare che l’uso della sala chirurgica determina costi rilevanti e l’impiego di risorse professionali importanti.

Sanità digitale di prossimità e sul territorio sono termini riportati nel Pnrr e che dovrebbero suggerire di attuare tali interventi. Da anni lo chiediamo nelle sedi opportune. Decine le proposte consegnate ai rappresentanti istituzionali. L’ultima istanza è inserita nelle proposte trasmesse alla regione durante la campagna “Abruzzo Prossimo” nella quale la Regione ha avviato la raccolta delle idee progettuali da parte del territorio.

Lanciamo un appello al Presidente Marco Marsilio affinchè possa finalmente avviare questo percorso di civiltà e rispetto verso le categorie più fragili, verso coloro che non hanno altro modo di curare la salute orale. Caro Presidente Marsilio, Una delle 8 domande a Lei rivolte durante la campagna elettorale era dedicata proprio
alla salute orale delle persone non collaboranti. La Sua risposta fu incoraggiante, ma ad oggi nulla è cambiato. Abbiamo sempre trovato il Maxillo-facciale dell’Aquila reparto eccellente e sempre disponibile, ma duramente provato dalla mancanza di personale, costretto a trovare soluzioni di emergenza. Tutti i referenti hanno sempre dimostrato marcata professionalità e da anni, prima con il Dott. Tommaso Cutilli e oggi con il Dottore Secondo Scarsella, abbiamo affrontato al meglio ogni situazione. La pandemia ha seppellito molti dei diritti spettanti alle persone più fragili, tuttavia sta offrendo un percorso di rilancio che può sostenere interventi significativi nella sanità abruzzese.

Ora o mai più. Contatti il primario del servizio Maxi facciale Secondo Scarsella e in due minuti le dirà cosa serve e come farlo.

Dottor Scarsella, primario del Maxillo Facciale, ha le idee chiare e ha le soluzioni. Ritiene la prevenzione strumento fondamentale effetto diretto di un centro altamente specializzato dedicato alla cura della salute orale. Un HUB regionale che potrà dare le risposte attese dalle tante famiglie costrette ad attendere o a recarsi in altre regioni. Per l’Abruzzo rappresenterà un grosso balzo in avanti nella tutela della salute delle persone più fragili, per il dott. Scarsella rappresenterà finalmente il coronamento del sogno di un centro specializzato e dedicato agli amici di Virginia e, per noi, l’evitamento dell’anestesia generale per curare un dente.”


Print Friendly and PDF

TAGS