L’Aquila, appena 30 giorni per approvare in consiglio il piano sociale distrettuale

di Alessio Ludovici | 22 Settembre 2022 @ 06:00 | ATTUALITA'
transizione
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Approvato lo scorso febbraio in consiglio regionale, il Piano sociale 2022/2024 entra nella fase operativa con gli iter dei diversi ambiti territoriale che dovranno calare nel territorio gli oltre 400milioni di dote finanziaria prevista attraverso la redazione dei piani distrettuali. A fine luglio, un’altra delibera regionale ha fornito l’atto di indirizzo applicativo per la redazione dei Piani Sociali Distrettuali  da parte dei comuni, singoli come nel caso dell’Aquila o in forma associata, e ne sono seguiti anche una serie di incontri, ad Avezzano, per quanto gli ambiti della provincia dell’Aquila.

Il piano distrettuale va approvato in consiglio comunale entro il 27 ottobre. Poco più di 30 giorni per predisporre e mettere in atto tutte le fasi previste per la redazione dei piani distrettuali che prevedono un’ampia e articolata concertazione con il territorio. Trenta giorni per redarre un nuovo piano d’ambito sulla base da definire, si presume, anche in base ai risultati della programmazione precedente.

Entro il 27 ottobre quindi gli ambiti, il Comune dell’Aquila nel nostro caso, deve approvare e inviare alla Regione il proprio piano distrettuale. Quest’ultimo è il riferimento per l’attuazione delle politiche sociali a livello territoriale.

Sette gli ambiti di intervento specifici fissati dal Piano sociale regionale 2022/2025: Obiettivi essenziali di servizio sociale; Disabilità e non autosufficienza. Il supporto al care giver familiare ed altre fragilità; Contrasto alle povertà ed inclusione sociale; Famiglia, diritti e tutela dei minori, Child Guarantee; Prevenzione istituzionalizzazione ed invecchiamento attivo; Giovani e Youth Guarantee; Empowerment femminile, contrasto alla violenza di genere e prima infanzia. Il Comune dell’Aquila, con propria delibera di giunta, ha dato avvio ufficialmente alla redazione del piano e deve mettere in piedi tutta la governance e le fasi concertative previste.

E’ previsto un gruppo di piano che è preposto alla formazione, attuazione e verifica del Piano Sociale di Ambito. Il Gruppo di Piano è composto da rappresentanti (politici e tecnici) dell’Ente locale, delle Istituzioni pubbliche (Istituzioni Scolastiche, Centro di Giustizia Minorile, Ufficio per l’ Esecuzione Penale Esterna, ASP,….) e della comunità locale nelle sue diverse espressioni (Terzo settore, Associazioni, Fondazioni etc..).

Fissato anche il primo appuntamento della fase concertativa, il prossimo 27 settembre all’emiciclo dell’Aquila. Una giornata plenaria di programmazione e confronto con il territorio a cui sono invitati tutti gli attori privati e pubblici per un confronto sul piano distrettuale e, nella seduta pomeridiana, per la costituzione dei gruppi tematici del piano. Per ulteriori informazioni e per inviare contributi scritti si può fare riferimento all’avviso dell’assessore alle politiche sociali, Manuela Tursini.


Print Friendly and PDF

TAGS