L’appello di Mattarella a istituzioni e cittadini: “Il virus tende a dividerci, serve senso di responsabilità”

di Redazione | 17 Novembre 2020 @ 17:23 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

Un richiamo all’unità del paese e delle istituzioni, quello che il Capo dello Stato ha voluto fare in occasione dell’assemblea nazionale dell’Anci di oggi pomeriggio: “Questo virus tende a dividerci. Tra fasce di età più o meno esposte ai rischi più gravi, tra categorie sociali più o meno colpite dalle conseguenze economiche, tra le stesse istituzioni, chiamate a compiere le scelte necessarie  talvolta impopolari per ridurre il contagio e garantire la doverosa assistenza a chi ne ha bisogno. Il pluralismo e l’articolazione delle istituzioni repubblicane sono e devono essere moltiplicatori di energie positive, ma questo viene meno se, nell’emergenza ci si divide”.

“Dobbiamo far ricorso alle nostre capacità e al nostro senso di responsabilità per creare convergenze e collaborazione tra le forze di cui disponiamo perché operino nella stessa direzione. Anche con osservazioni critiche, sempre utili, ma senza disperderle in polemiche scomposte o nella rincorsa a illusori vantaggi di parte, a fronte di un nemico insidioso che può travolgere tutti”.

“La libertà – ha aggiunto il Presidente . rischia di indebolirsi quando si abbassa il grado di coesione di unità tra le parti.  E’ questa la prima responsabilità delle istituzioni democratiche, a tutti i livelli, e questa è la lezione che la pandemia ribadisce con durezza”. 

Infine il presidente ha rivolto un appello ai cittadini: “E’ necessario l’impegno convinto di ciascuno di noi. La responsabilità personale: che in larga misura abbiamo apprezzata nei mesi scorsi. Dobbiamo tutti adottare i comportamenti di prudenza suggeriti: le mascherine, l’igiene, il distanziamento, la scelta di fare a meno di attività e incontri non indispensabili. Non per imposizione, non soltanto per disposizione, ma per convinzione. Con senso di responsabilità verso gli altri e anche verso se stessi. Nessuno si lasci ingannare dal pensiero: a me non succederà”.


Print Friendly and PDF

TAGS