L’Abruzzo è tra le 7 regioni che hanno già acquistato le dosi del vaccino antinfluenzale

di Redazione | 23 Luglio 2021 @ 18:23 | SALUTE E ALIMENTAZIONE
vaccino
Print Friendly and PDF

ROMA – Le Regioni già pensano al vaccino antinfluenzale, per la campagna invernale 2021-2022. Sette Regioni hanno infatti già acquistato 3 milioni di dosi attraverso il sistema della Consip, la centrale unica d’acquisto della Pubblica amministrazione.

L’obiettivo è garantirsi per tempo le dosi: la campagna vaccinale, infatti, partirà in anticipo da ottobre, come previsto dal ministero della Salute, anche al fine di immunizzare i cittadini per evitare che i sintomi dell’influenza possano sommarsi e confondersi con gli eventuali sintomi da Covid, determinando così un aggravio sulle strutture ospedaliere.

Le regioni, che ad oggi hanno scelto il Sistema dinamico di acquisto (Sdapa) “Farmaci” di Consip per l’approvvigionamento di vaccini antinfluenzali, sono l’Abruzzo, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise e Sicilia hanno già acquistato circa 3 milioni di dosi – facendo registrare un incremento del +50% rispetto al numero di dosi richieste attraverso lo Sdapa nel 2020 – per un importo complessivo di oltre 45 milioni di euro. Un dato “incoraggiante – rileva Consip – che consentirà alle Regioni di approvvigionarsi con anticipo e alle aziende fornitrici di pianificare per tempo la produzione e la distribuzione, garantendo il pieno soddisfacimento del fabbisogno di ciascuna Regione e assicurando il raggiungimento dei tassi di copertura previsti dalle Raccomandazioni del Ministero”. Lo Sdapa è lo strumento di negoziazione messo a disposizione da Consip nell’ambito del Programma di razionalizzazione degli acquisti, che consente alle amministrazioni di negoziare in modalità totalmente telematica le gare. Gli acquisti dei vaccini antinfluenzali possono essere fatti anche autonomamente dalle Regioni ma il nuovo sistema, rileva Consip, “consente di velocizzare molto i tempi delle gare”. Le Regioni dunque cercano di giocare d’anticipo per non farsi trovare impreparate.

La circolare del ministero ‘Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2021-2022’ prevede infatti di anticipare la campagna di vaccinazione antinfluenzale, anche in considerazione della situazione epidemiologica per la circolazione del virus SarsCov2, a partire appunto da ottobre.

 


Print Friendly and PDF

TAGS