Variante brasiliana, frutto amaro dell’immunità di gregge, più vittime e ricoveri

Ad oggi in Brasile sono stati accertati più di 8 milioni di contagi e oltre 208mila morti per cause legate alla COVID-19, in termini assoluti è il secondo stato per numero di vittime dopo gli Stati Uniti.

Soprattutto, in Brasile, è di nuovo emergenza. A Manaus, la capitale dell’Amazzonia, gli ospedali sono saturi.

Non solo, è finito l’ossigeno, le testimonianze del personale sanitario sono drammatiche e rimbalzano sui giornali di tutto il mondo. I reparti hanno abbondantemente superato il 100% dei posti occupati, sia in terapia intensiva che negli altri reparti covid. Sono dati del Centro di Salute dello Stato e del Ministero della Salute. Tutti quelli che arrivano, semplicemente, non possono essere accolti. E’ quello che spaventava del Coronavirus, il collasso dei sistemi sanitari. 

A complicare le cose, in Brasile, la cosiddetta variante brasiliana, una variante molto più aggressiva e, forse, anche più resistente al vaccino. Le vaccinazioni, poi, sono cominiciate solo domenica scorsa, con l’approvazione d’urgenza di alcuni vaccini, con Bolsonaro ancora scettico e assente durante la decisione. 

La variante, secondo l’infettivologo Galli, e ci sono conferme dalla comunità scientifica è del resto frutto proprio del fallimento della strategia dell’immunità di gregge. “Quello che è capitato a Manaus – ha spiegato Galli al Fatto Quotidiano – mette la pietra tombale sulla strategia di chi ha in mente di far circolare il virus indisturbato per arrivare a un’immunità di gregge a furia di infezioni. A Manaus è accaduto invece che, lasciando girare il virus come gli pare, si è avuta sì una percentuale importante di gente che si è infettata e quindi immunizzata, ma non importante abbastanza per creare una vera barriera. È successo quindi che il virus ha sviluppato la mutazione giusta per tornare a essere in grado di colpire non solo quelli che non aveva ancora infettato, ma in qualche caso a quanto pare anche quelli che si erano già ammalati. È un elemento di notevole preoccupazione”. 

La variante è stata isolata in Giappone, in Brasile c’era un’impennata di contagi ma si pensava a un normale picco dovuto alle vacanze estive. Ora ha fatto scattare l’allarme un po’ ovunque, anche in Italia, con il Governo che ha chiuso il traffico aereo con il Brasile. 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Articoli Correlati

Articolo successivo

2020-Un anno di Asm

Asm allarga la compagine sociale

Speciali Asm – La raccolta in emergenza 2

Speciali Asm – La raccolta in emergenza

Speciali Asm – Il centro raccolta rifiuti

intopic.it