La Sinfonica trasferita a Chieti? Centi: “Ipotesi priva di fondamento”

di Redazione | 24 Giugno 2020 @ 17:15 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – È una “ipotesi è priva di ogni fondamento” quella che vedrebbe l’Istituzione sinfonica abruzzese pronta per essere trasferita a Chieti svelata da L’Aquilablog, secondo il presidente Antonio Centi.

“L’Isa, che è orchestra regionale, è nata e resta a L’Aquila, oggi come in passato questa ipotesi non è mai stata presa in considerazione”, afferma in una nota l’ex sindaco del capoluogo, che preside lo storico ente culturale fondato da Nino Carloni con sede all’interno del Teatro comunale dell’Aquila.

“La circostanza che due tra i maggiori e più importanti Enti di produzione culturale della nostra regione realizzino da molti anni accordi artistici è una scelta strategica condivisa – spiega – che ha consentito e consente di elaborare proposte di alto spessore che hanno trovato e trovano conferma in importanti riconoscimenti sul piano nazionale”.

“Le organiche collaborazioni fra questi due Enti”, prosegue il presidente, “sono un vanto riconosciuto ed apprezzato che nobilita tutta la produzione culturale regionale abruzzese”.

L’Aquila e l’Isa, conclude Antonio Centi, dimissionario per motivi di salute, “rappresentano senza dubbio un riferimento autorevole del mondo della cultura il cui ruolo, senza polemiche, saprà essere ulteriormente rafforzato e qualificato dal prossimo presidente e dal nuovo Consiglio di amministrazione”.

Proprio per la successione di Centi sarebbero in atto grandi manovre che vedrebbero protagonista l’attuale vice presidente Enrico Storelli. Il Cda è convocato per la prossima settimana.


Print Friendly and PDF

TAGS