La segnalazione: se vuoi il rimborso ferroviario, è meglio che rinunci!

di Redazione | 05 Agosto 2020 @ 07:16 | RACCONTANDO
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – In tempi di post-lockdown facile a dirsi ottenere il rimborso per chi aveva programmato e pagato un viaggio in treno. Trenitalia, fin dall’inizio dell’emergenza ha dimostrato di voler venire incontro a chi non ha voluto o potuto spostarsi in treno, ma non sempre le procedure studiate sono a portata di cittadino medio.

L’odissea per il rimborso di tre biglietti ormai rasenta il ridicolo: succede che acquisti i biglietti per un viaggio in treno per l’8 di maggio, A/R, che viene annullato, causa covid, e chiedi il relativo rimborso come da indicazioni sul sito di Trenitalia. In data 6 maggio la richiesta di rimborso è inviata e accettata e il 30 luglio arriva la comunicazione di esito favorevole. La mail, minuziosamente, descrive la proceduta disponibile nell’area riservata sul sito di Trenitalia per attivare il “Rimborso Credito elettronico 100%”.

“Il credito elettronico è utilizzabile anche a scalare, per l’acquisto di tutti i prodotti di Trenitalia entro la scadenza indicata. Sempre entro la suddetta scadenza, potrà chiedere la restituzione dell’eventuale credito residuo sullo stesso strumento di pagamento da lei utilizzato all’atto dell’acquisto. Laddove invece non gradisca il credito elettronico può richiedere il rimborso della somma sullo stesso strumento di pagamento da lei utilizzato all’atto dell’acquisto rivolgendosi ad una delle biglietterie Trenitalia ed esibendo la presente comunicazione e i dettagli del viaggio (PNR), oppure inserendo una nuova richiesta utilizzando questo link”.

Facile a leggersi e dirsi, ma complicato a farsi come tutte le procedure burocratiche in Italia.

In una città come L’Aquila la biglietteria Trenitalia è presente solo alla Stazione con degli orari stabiliti in base al traffico ferroviario: dal lunedì al venerdì 6,25-10,15 e 10,30-13,21. Allora decidi di recarti alla biglietteria con la documentazione relativa al rimborso: mail di richiesta, accettazione, biglietti. La gentilissima addetta alla biglietteria esamina le carte e decreta che, come da disposizioni di Trenitalia, non può procedere al rimborso perché i biglietti sono stati acquistati tramite un sito web esterno che funge da intermediario.

Ma allora il rimborso n. RN2-28311xxxxxx inviato da Trenitalia? Niente, non c’è niente da fare. Entra in fibrillazione alle mie rimostranze e richiesta d’intervento del responsabile. Capisco che a nulla possono valere delle lamentele e unica soluzione possibile è: vada sul sito e faccia un reclamo per ottenere il rimborso già stabilito da loro stessi! 

Come diceva Ennio Flaiano: “Vivere è diventato un esercizio burocratico”.


Print Friendly and PDF

TAGS