La scultura del Cristo Morto del 1792 esposta alle Anime Sante

Fino al mezzogiorno del Sabato Santo

di don Daniele Pinton | 09 Aprile 2020 @ 23:03 | CREDERE OGGI
Print Friendly and PDF

Nonostante la sospensione delle celebrazioni religiose con il concorso dei fedeli, nel giorno del Venerdì Santo, in cui la Cristianità rivive la Passione del Signore, nella Chiesa di S. Maria del Suffragio in Piazza Duomo, è solennemente esposto, fino al mezzogiorno del Sabato Santo, 11 aprile, l’antico Cristo Morto, scultura di cartapesta risalente al 1792 e custodita nella chiesa stessa sotto lo sguardo materno della statua della Madonna Addolorata.

Ciò per consentire comunque, pur nella difficoltà del tempo presente e con l’osservanza delle disposizioni impartite dalle autorità governative, la preghiera personale dei fedeli ancor più necessaria e sentita in questi giorni di dolorosa partecipazione al dramma dell’umanità flagellata dalla pandemia.

In proposito si richiama la nota di chiarimento del Ministero degli Interni – Direzione Centrale degli Affari dei Culti, presente anche nel portare del Governo Italiano – Presidenza del Consiglio dei Ministri, in cui si afferma che ‘l’accesso ai luoghi di culto è consentito, purché si evitino assembramenti e si assicuri tra i frequentatori la distanza non inferiore a un metro. È possibile raggiungere il luogo di culto più vicino a casa, intendendo tale spostamento per quanto possibile nelle prossimità della propria abitazione. Possono essere altresì raggiunti i luoghi di culto in occasione degli spostamenti comunque consentiti, cioè quelli determinati da comprovate esigenze lavorative o da necessità, e che si trovino lungo il percorso già previsto, in modo che, in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine, si possa esibire o rendere la prevista autodichiarazione. Resta ferma tuttavia la sospensione di tutte le cerimonie, anche religiose’.


Print Friendly and PDF

TAGS