La Santa Sede ha modificato il rito delle Ceneri, a causa della pandemia

Novità per la celebrazione del Mercoledì' delle Ceneri che quest'anno cade il 17 febbraio

di don Daniele Pinton | 13 Gennaio 2021 @ 06:58 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

In tempo di Covid-19, l’emergenza pandemica, che ha modificato la vita sociale ed ecclesiale, porterà cambiamenti anche ai riti che introducono il tempo di Quaresima, infatti, anche il Mercoledì delle Ceneri, per evitare contagi, subirà delle modifiche rituali, attraverso l’uso delle mascherine e il divieto di parlare mentre si impongono le ceneri sul capo dei fedeli.

Con una nota Prot. 17/21 del 12 gennaio 2021, pubblicata dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, a firma del suo Prefetto, il Card. Roberto Sarah, in vista dell’inizio della Quaresima di quest’anno, sono state precisate le modalità da seguire durante questa celebrazione, tenuto conto della situazione sanitaria che continua a richiedere una serie di attenzioni, che si riflettono anche in ambito liturgico, a causa della pandemia per il Covid-19.

Mercoledì 17 febbraio 2021, nella celebrazione del Mercoledì delle Ceneri, i celebranti, dopo aver benedetto le ceneri e averle asperse con l’acqua benedetta, si rivolgeranno ai presenti recitando una volta sola per tutti la formula come nel Messale Romano: “Convertitevi e credete al Vangelo», oppure: “Ricordati, uomo, che polvere tu sei e in polvere ritornerai”.

Quindi, dopo essersi prima igienizzate le mani e indossato la mascherina, a protezione di naso e bocca, imporranno le ceneri a quanti si avvicinano a loro o, se opportuno, essi stessi si avvicineranno a quanti stanno in piedi al loro posto, prenderanno le ceneri e le lasceranno cadere sul capo di ciascuno, senza dire nulla.

NOTA IMPOSIZIONE DELLE CENERI


Print Friendly and PDF

TAGS