“La rivoluzione della serietà”, Calenda lancia Di Benedetto e si innamora del torrone

di Alessio Ludovici | 30 Aprile 2022 @ 06:00 | POLITICA
calenda
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Questi aquilani che non solo hanno un torrone straordinario “ma non sai che poi te lo ritrovi anche nel caffè”. Calenda ieri a L’Aquila a sostegno di Americo Di Benedetto e accompagnato da Giulio Sottanelli ed Enrico Verini tra i promotori di una delle tre liste a sostegno, è rimasto impressionato anche dalla città, dal suo torrone e dal suo freddo nonostante la giornata soleggiata di fine aprile. Dopo un giro in centro appuntamento alla Villa comunale per un incontro elettorale, con una buona cornice di pubblico. Dopo gli interventi di Sottanelli, referente regionale di Azione, e l’intervento del candidato sindaco Americo Di Benedetto, le parole di Calenda che si è soffermato sulla situazione politica nazionale e internazionale, con una posizione molto prudente sulla possibile escalation del conflitto. Non sono mancate le critiche “alla destra” e alla “sinistra” e sul modo di fare politica. Calenda ha quindi sottolineato la diversità di Azione, “ai cittadini bisogna dire la verità e dire come si vogliono risolvere i problemi, non basta elencarli. Serve una rivoluzione della serietà e della responsabilità”. “Io sono stato l’unico parlamentare Europe a votare contro una risoluzione che chiedeva lo stop al gas russo, l’ho fatto perché sapevo che sarebbe stata una cosa impossibile e infatti è rimasta inattuata”. “Fare politica significa arte di governo, capacità di far accadere cose, altrimenti la politica è solo rumore”.


Print Friendly and PDF

TAGS