La Provincia dell’Aquila reclama “il cane pastore Abruzzese”

Approvata nell’ultimo Consiglio della Provincia dell’Aquila la mozione per il cambio di denominazione della razza canina da “pastore Maremmano - Abruzzese” in” pastore Abruzzese

di Redazione | 01 Ottobre 2021 @ 11:59 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L‘AQUILA – Approvata nell’ultimo Consiglio della Provincia dell’Aquila la mozione promossa dal Consigliere, Gianluca Alfonsi, per il cambio di denominazione della razza canina da “pastore Maremmano – Abruzzese” in” pastore Abruzzese”. 

La proposta nasce dalla necessità di ristabilire un’obiettiva verità storica, che accompagna la lunga e millenaria tradizione transumante Abruzzese – dichiara il consigliere e promotore della mozione, Gianluca Alfonsi -. L’esigenza di controllare e difendere le numerose greggi nei percorsi tratturali, verso il mare in inverno e il ritorno sui verdi pascoli montani in estate, maturò la consapevolezza di crescere e educare cani per svolgere questo lavoro; per secoli, il cane del pastore abruzzese, è stato fedele compagno e amico fondamentale nel duro impegno quotidiano, un riconoscimento e connubio che, nella stessa denominazione, ritrova l’essenza della storia d’Abruzzo: ‘cane Pastore Abruzzese’. Con la mozione approvata, abbiamo investito il Presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, ad attivarsi, presso tutti i soggetti preposti, per il cambio di denominazione da ‘cane pastore Maremmano – Abruzzese’ in ” cane pastore Abruzzese”, e ripristinare l’autenticità che appartiene soltanto al nostro patrimonio culturale. ”.

L’istanza è stata presentata dal C.P.M.A. (Circolo del Pastore Maremmano Abruzzese), unica associazione a tutela della razza, all’ENCI (Ente Nazionale della Cinofilia Italiana), all’F.C.I. (Federazione Cinologica Internazionale) e presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.


Print Friendly and PDF

TAGS