La potatura al Parco delle Acque fa discutere, un’occasione per cambiare

di Alessio Ludovici | 29 Gennaio 2021 @ 06:00 | AMBIENTE
Il parco delle acque, alle 99 cannelle
Print Friendly and PDF

L’AQUILAHa destato non poca sorpresa la modalità della potatura al Parco delle Acque, proprio sopra le 99 cannelle all’Aquila, nel borgo della Rivera. Diverse le segnalazioni da parte dei cittadini per uno scenario che adesso sembra un set di un film di Tim Burton. 
Gli interventi di capitozzatura o le potature molto drastiche sono molto discussi e considerati ormai superati. Sono sicuramente più economici ma, secondo molti addetti ai lavori, rischiano di essere anche dannosi per la pianta perché la indeboliscono e ne minano le capacità rigenerative.

Nel caso specifico si parla per di più di un contesto paesaggistico molto particolare, un parco immaginato per valorizzare il sito delle 99 Cannelle. In estate se tutto andrà bene ci saranno i primi ricacci ma ci vorrà probabilmente qualche anno per vedere di nuovo il verde che sovrastava il monumento. 

Dall’albo pretorio si apprende che lo sfalcio del prato del Parco delle Acque era stato affidato ad un’associazione. L’intervento di potatura al Parco delle Acque , invece, dovrebbe essere stato fatto dal Comune. Chi lo ha fatto avrà avuto i suoi buoni motivi, ma per il cittadino resta difficile pensare che, almeno per un posto così particolare, non fosse possibile un intervento diverso. “Almeno in aree come questa – ci racconta un cittadino – ci aspettiamo un approccio diverso dal passato”. C’è voglia di cambiamento, di trasparenza e di attenzione anche a questi particolari, quanto successo alle 99 Cannelle sia un’occasione per cambiare. 


Print Friendly and PDF

TAGS