‘La pienezza del vuoto’, presentati i risultati dell’indagine

di Redazione | 18 Ottobre 2022 @ 06:00 | ATTUALITA'
La pienezza del vuoto
Print Friendly and PDF

L’AQUILA. Un progetto, promosso dal Gran Sasso Science Institute – GSSI, dal Forum Disuguaglianze e Diversità e dalla Rete dei Numeri Pari, durato tre anni che ha indagato pratiche e strutture delle forme di mutuo supporto racchiuse nelle centinaia di realtà riunite nella Rete dei Numeri Pari. 

Presentato, ieri, nel corso della Giornata mondiale per l’eliminazione delle povertà, ‘La pienezza del vuoto. Indagine sulle nuove forme di mutuo supporto: il caso della Rete dei Numeri Pari’ è stato svolto da un gruppo di ricerca composto da Mirco Di Sandro, Margherita Grazioli, Valeria Pica e Carmen Silipo.

Il lavoro ha messo in luce forme innovative di organizzazione che riempiono il vuoto lasciato da uno Stato in grave affanno.

“L’aumento delle disuguaglianze riceve risposte concrete dalle pratiche e dalle forme alternative di organizzazione costruite dalle realtà studiate”, ha dichiarato l’economista Fabrizio Barca, co-coordinatore del Forum Disuguaglianze e Diversità,  introducendo la Presentazione dei risultati del progetto di ricerca.

“Nella nostra società complessa  -ha proseguito l’ex ministro – ci sono due strade: o un maggiore ricorso all’autoritarismo e alla concentrazione di potere e controllo, o una maggiore reciprocità. Il modello delle realtà indagate va nella seconda direzione. Come ForumDD siamo convinti che di fronte al parossismo delle crisi che si succedono sia necessario che le soluzioni che vengono da questo fermento sociale trovino quell’ascolto di sistema che è finora mancato”. 

“Essere stati oggetto di studio e ricerca per tre anni è stata un’occasione straordinaria”, ha commentato Giuseppe De Marzo, economista ecologico, attivista, scrittore e coordinatore della Rete dei Numeri Pari. “Ci ha permesso di vivere nella contingenza – ha proseguito – ma anche di fermarci e riflettere. Questo esercizio di sistematizzazione del ‘formicolio sociale’ espresso dalle realtà che compongono la “geografia della speranza” è stata un’occasione di collaborazione unica.

Poter dare per la prima volta voce e sostanza a chi nella Rete fa associazionismo, a chi opera nelle cooperative sociali, nei presidi antimafia, nei comitati e nelle parrocchie vuol dire far capire come lavoriamo nel metodo e nel merito generando innovazione sociale.

Attraverso queste pratiche le realtà sul campo fanno emergere con chiarezza l’urgenza di nuovi diritti di cittadinanza, la richiesta della garanzia di quelli già storicamente acquisiti e oggi a rischio. Siamo chiamati in questa fase della storia a difendere la democrazia come la conosciamo oggi ma allo stesso tempo costruire una visione di speranza fondata sulla giustizia integrale”.

“Come istituzione universitaria superiore – ha dichiarato la rettrice del Gssi, Paola Inverardi –  siamo contenti di poter contribuire a dare una valenza scientifica, una categorizzazione, a frammenti di realtà che si muovono autonomamente e che propongono soluzioni in controtendenza, possibili nuove buone pratiche, nuovi elementi di politica, elementi di uguaglianze da inserire nell’agenda del Paese”. 

L’indagine, ha analizzato 91 realtà su 112 appartenenti a un campione stratificato per attività e area geografica ottenuto sia attraverso l’estrazione casuale dall’universo delle realtà della Rete, sia attraverso inclusioni mirate in base alla specificità e unicità delle realtà stesse.  

Presente anche Luigi Ciotti, Presidente di Libera e del Gruppo Abele che, ha affermato: “Questa ricerca ci permette di dare una lettura nuova del presente.

Vediamo un’Italia a doppia velocità: da una parte le élites, dall’altra le persone impoverite che arrancano e vengono lasciate indietro. In questo contesto noi abbiamo il dovere di riempire i vuoti lasciati dalla politica ma anche di denunciare la sproporzione tra solidarietà e giustizia.

Noi in questi anni abbiamo fatto l’ortopedia sociale, siamo stati delegati dalla politica ad occuparci degli ultimi e dei poveri. Questa è la vergogna di un Paese. Continueremo con le nostre pratiche di mutualismo ma c’è bisogno che la politica torni ad assumersi le sue responsabilità come da troppi anni non sta facendo.”

Di seguito un passaggio dell’intervento di Don Ciotti, estrapolato dalla diretta streaming

Presenti alla giornata anche alcune delle realtà oggetto di studio rappresentate da Angelo Cassano, Parroco di San Sabino a Bari, Silvia Paoluzzi, Unione Inquilini, Luca Federici, Presidente della Società Cooperativa Ri-MAFLOW e Antonino Martino, Presidente dell’Associazione Spazio Solidale.

Hanno commentato i risultati della ricerca Salvatore Cannavò, giornalista e scrittore e Gilberto Seravalli, Professore Ordinario di Economia Applicata all’Università di Parma sui risultati del progetto. E’ intervenuta sul tema del welfare universale Enrica Chiappero-Martinetti, Professoressa ordinaria di Politica Economica dell’Università di Pavia.

Dopo un focus sul welfare e la cittadinanza ecologica, le conclusioni di Alessandra Faggian, direttrice dell’Area di Social Sciences del GSSI direttamente coinvolta nel lavoro di ricerca: “I tre soggetti promotori della ricerca vengono da ambienti totalmente diversi. Anche questo è nel successo e la soddisfazione di questo lavoro: essere riusciti a collaborare, a mettere insieme i saperi, a fare ricerca partendo da punti di vista e approcci differenti condividendo la missione di conoscere, di interagire con le istituzioni e la società creando qualcosa di concreto per il territorio”.

 

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS