La Pentecoste all’Aquila in una graduale ripresa delle celebrazioni

In diretta streaming

di don Daniele Pinton | 29 Maggio 2020 @ 09:41 | CREDERE OGGI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La sera del 30 maggio 2020 alle ore 21,00, la Veglia Diocesana di Pentecoste, presieduta da Mons. Alfredo Cantalini, vicario generale dell’Arcidiocesi aquilana, verrà celebrata presso la Residenza Universitaria San Carlo Borromeo a Coppito, all’interno del campo di calcetto coperto, momentaneamente adibito a luogo per le celebrazioni e sarà animata dal coordinamento diocesano per la pastorale giovanile, coordinato da Don Federico Palmerini. Per coloro che vogliono seguire la Veglia di preghiera, sarà possibile scaricare il libretto della celebrazione, dall’indirizzo https://www.facebook.com/PastoraleGiovanileLAquila/, al fine di una migliore condivisione della preghiera insieme che durerà circa un’ora e mezza. Chi è impossibilitato a partecipare può accedere allo stesso indirizzo della pagina Facebook della Pastorale Giovanile per seguire la diretta streaming della Veglia diocesana di Pentecoste.

Domenica 31 maggio, nella Solennità di Pentecoste, la mattina alle ore 11,00, il Cardinale Arcivescovo Giuseppe Petrocchi, presiederà la Messa solenne nella Chiesa di San Mario nel quartiere Torretta, mentre il pomeriggio, nella Chiesa di Santa Maria del Suffragio, alle ore 18,00, la Messa della Solennità, sarà presieduta dal Can. Sergio Maggioni, arcidiacono del capitolo metropolitano aquilano e concelebrata da alcuni canonici e sacerdoti della Città di L’Aquila. Le due celebrazioni eucaristiche potranno essere seguite attraverso la diretta streaming, su www.abruzzoweb.it, su giuliai2.sg-host.com oppure sulla pagina www.facebook.com/SantaMariaDelSuffragio/.

Nella solennità di Pentecoste si celebra la discesa dello Spirito Santo che dà inizio alla missione della Chiesa. Questa è una festività mobile nel senso che è legata alla data in cui cade la Pasqua del Signore, e conclude i cinquanta giorni che vanno dalla Resurrezione alla discesa dello Spirito Santo sugli Apostoli.

La festa di Pentecoste, ha le sue radici in una festa ebraica, la Shavuot (Pentecoste o festa delle settimane) in cui si ricorda la consegna della legge di Dio al suo popolo.  Inizialmente era una festa agricola, di ringraziamento a Dio per i doni delle terra, che coincideva con l’inizio della mietitura del grano e i dei primi frutti. Nel rituale ebraico, a Pentecoste ci si asteneva da qualsiasi lavoro ed era previsto il pellegrinaggio degli uomini a Gerusalemme. Mentre la Pentecoste cristiana è il dono della Legge Nuova (Torah), scritta nel cuore degli uomini, che è lo Spirito Santo.

Negli Atti degli Apostoli, il giorno di Pentecoste Dio si rivela attraverso il fuoco: mentre gli Apostoli sono riuniti insieme a Maria, la madre di Gesù, a Gerusalemme nel Cenacolo per festeggiare la Pentecoste, un vento impetuoso attraversa la stanza, si sente il fragore di un tuono e lingue di fuoco si posano sul capo dei presenti donando loro la capacità di parlare tutte le lingue dl mondo.

Nella tradizione cristiana, si attribuisce a Tertulliano (155-220) la prima testimonianza della Pentecoste come festa dello Spirito Santo, sempre cinquanta giorni dopo la Pasqua. La Liturgia è spesso arricchita da inni allo Spirito Santo e nella solennità di Pentecoste, si recita la Sequenza: ‘Vieni, Santo Spirito’.


Domenica 31 maggio ore 11.00, Solennità di Pentecoste S. Messa solenne nella Chiesa di San Mario


Domenica 31 maggio ore 18.00
Solennità di Pentecoste
S. Messa solenne nella Chiesa
Santa Maria del Suffragio, L’Aquila


Print Friendly and PDF

TAGS