La Patata del Fucino con il progetto “IGP Viaggio nelle scuole” fa tappa alla Scuola Primaria ‘Mariele Ventre’ dell’Aquila

Quadernoni, giornalini, giochi didattici in dono ai bambini della Scuola Primaria “Mariele Ventre” dell’Istituto Comprensivo “T. Patini” dell'Aquila

di Redazione | 14 Maggio 2024 @ 15:44 | ATTUALITA'
patatopoli
Print Friendly and PDF

L’AQUILA- Come ogni anno, ormai da tempo, la patata del Fucino è protagonista nelle scuole con il progetto di educazione alimentare e sostenibilità ambientale “IGP Viaggio nelle scuole” promosso dall’AMPPAssociazione Marsicana Produttori Patate.

Dopo aver fatto tappa nelle altre scuole abruzzesi oggi la Patata del Fucino IGP è stata accolta festosamente dai bambini della Scuola Primaria “ Mariele Ventre dell’Istituto Comprensivo “T.Patini” dell’Aquila.

Sono state coinvolte tutte le classi, dalla prima alla quinta elementare, ben 460 bambini hanno ricevuto in dono quadernoni a righe e quadretti e il coloratissimo super giornalino di Patatopoli, ricco di articoli riguardanti il territorio, la natura, l’ecologia e tanti giochi a quiz.

Abbinato al giornalino anche l’inserto “Pata Ludo” l’originale gioco a squadra munito di tutto l’occorrente per giocare, da ritagliare e incollare. Ideati e progettati da One Group, società di marketing e comunicazione,  come strumenti di intrattenimento concepiti per avvicinare i bambini alle tematiche dell’ambiente, della sostenibilità e della sana alimentazione.

Ad illustrare ai bambini le finalità del progetto è stata la professoressa Gabriella Liberatore, dirigente scolastica, che è riuscita catturare la loro attenzione e a creare grande interesse con stimolanti domande e spiegazioni.

Rilevante è stato anche l’impegno del corpo docente che si è prodigato al massimo per la migliore riuscita dell’evento, con grande soddisfazione dell’ing. Gianluca Del Corvo, in rappresentanza dell’AMPP, che ha consegnato personalmente i doni ai bambini .

Piccola cerimonia, quella della consegna dei materiali, che dimostra però l’attenzione che l’AMPP riserva ai cittadini in erba del proprio territorio. 


Print Friendly and PDF

TAGS