La Napoli velata dei gioielli di Amlé

di Michela Santoro | 05 Dicembre 2022 @ 06:00 | EVENTI
Napoli
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Una donna straordinaria capace di raccontare la forza dirompente della sua terra attraverso le sue collezioni di gioielli.

È Marisa Angelucci, creatrice di Amlé, il brand campano che ha conquistato l’Italia e il resto del mondo con i suoi pezzi unici, figli di una profonda conoscenza delle tradizioni che narrano.

Antiquaria, negli anni Marisa Angelucci ha conquistato il primato di essere la creatrice di gioielli più copiata al mondo. 

La sua arte, l’armonia che scaturisce dalle sue creazioni uniche, sono il frutto di una ricerca continua alimentata da un forte senso di appartenenza alla sua terra, la Campania. 

I suoi gioielli, hanno un sapore esoterico e parlano il linguaggio dei femminielli; si muovono, sinuosi, nei café chantant e raccontano la Napoli nascosta, quella che solo pochi sanno decifrare.

Hanno la grazia e la presenza di un simbolismo custodito nei secoli, fortemente caratterizzante di una terra scaramantica e colta che cura le proprie credenze e le assurge ad oggetto di culto. 

Tamburelli, exvoto, peperoncini; forme generose armoniosamente assemblate, suggellate da una bellezza che viene dall’anima con una personalità sfacciata alla quale è difficile resistere.

Abbiamo incontrato Marisa Angelucci nella gioielleria aquilana ‘Linea Oro’, sabato scorso, dove ha presentato la sua ultima collezione tutta dedicata a Napoli.

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS