La Corte d’Appello di Trieste conferma la condanna a don Paolo, ex parroco di Pizzoli

di Redazione | 11 Giugno 2021, @05:06 | CRONACA
don Paolo
Print Friendly and PDF

TRIESTE – Confermata in secondo grado, la Corte d’Appello, la condanna a 21 anni e mezzo di carcere a Don Paolo Piccoli, accusato di aver ucciso il confratello, don Giuseppe Rocco, all’interno della Casa del Clero di Trieste, il 25 aprile 2014.

L’accusa aveva chiesto 22 anni.

Il prete, che è stato parroco di Pizzoli, si è sempre dichiarato innocente.

Don Paolo Piccoli (assistito dall’avvocato Vincenzo Calderoni del foro dell’Aquila), monsignore originario di Verona, ma incardinato nell’aquilano dove ha prestato servizio a Rocca di Cambio, oltre a Pizzoli, era stato in primo grado condannato, il 13 dicembre 2019, perchè, secondo l’accusa, avrebbe ucciso un altro prete, monsignor Giuseppe Rocco, all’interno della Casa del Clero di Trieste, il 25 aprile 2014.

L’omicidio di Trieste e don Paolo Piccoli, hanno avuto un grande clamore mediatico fino ad arrivare alla nota trasmissione della Rai “Chi l’ha visto”.

Inoltre don Paolo ebbe diverse querele a Pizzoli, a causa dell’alto volume delle campane della chiesa parrocchiale.


Print Friendly and PDF

TAGS