Jerez, GP Spagna: Bagnaia domina e si rilancia nel Mondiale

di Redazione | 01 Maggio 2022 @ 17:11 | SPORT
jerez bagnaia
Print Friendly and PDF

Nessuno come Pecco Bagnaia sotto il sole di Jerez de la Frontera. Il #63 di Ducati, che già aveva conquistato la pole position nel sabato iberico, domina il Gran Premio di Spagna conquistando vittoria e giro veloce e rilanciandosi così nella classifica iridata.

Il giovane torinese, in sella a una GP22 parsa finalmente a proprio agio dopo un esordio claudicante, non ha avuto vita facile neppure quest’oggi. Alle spalle di Bagnaia, minaccioso sin dalle primissime curve, è infatti sempre rimasto Fabio Quartararo: il francese, ottimo 2° in sella alla sua Yamaha, incamera un altro ottimo risultato che gli consente di allungare nella classifica piloti proprio su Aleix Espargaro, giunto 3° al traguardo dopo un bel duello con Marc Marquez e Jack Miller.

Il #93 – autore di un paio di sorpassi da urlo e di un salvataggio “vecchio stile” – e il #43 sono stati protagonisti di un inseguimento che si è protratto per quasi tutto il GP e che, come da copione dei due litiganti, ha fatto però godere quel terzo che risponde al nome di Aleix Espargaro. 6° è uno Joan Mir dal quale sarebbe forse stato lecito aspettarsi qualcosa di più, mentre è buona la prestazione di Takaaki Nakagami, 7° davanti a Enea Bastianini: il #23, a differenza di quanto accaduto in Portogallo, consapevole di non essere nelle migliori condizioni possibili ha preferito non correre troppi rischi e ha deciso dunque di accontentarsi di un’8^ piazza che gli consente di racimolare punti comunque importanti in ottica iridata. Il migliore dei rookie è oggi Marco Bezzecchi, ottimo 9°, mentre la KTM di Brad Binder provvede a completare la top ten di giornata.

Appena fuori dai primi dieci troviamo la Honda di Pol Espargaro, che precede Miguel Oliveira e Alex Marquez, mentre solamente 14° è Maverick Vinales. Grande è il rammarico del #12, che a causa di una partenza infelice si è ritrovato invischiato nel marasma di centro gruppo ed è stato quindi chiamato a una complicata rimonta dalle ultime posizioni. L’ultimo punticino a disposizione lo agguanta Franco Morbidelli, ancora una volta in evidente difficoltà in sella alla sua M1, mentre la GP22 di Luca Marini non va oltre la 16^ piazza davanti ad Andrea Dovizioso, Fabio Di Giannantonio e Alex Rins. Lo spagnolo di Suzuki ha corso un grosso rischio finendo sulla ghiaia della via di fuga dopo essere uscito largo da uno dei curvino che caratterizzano il tracciato iberico, ed è stato costretto a risalire faticosamente la china dopo avere perso diverse posizioni. Transita invece sul traguardo in 20^ posizione Remy Gardner, con Lorenzo Savadori e Jorge Martin alla ruota: il #89, in particolare, ha vissuto una domenica piuttosto complessa caratterizzata da una scivolata all’ultima curva prima e da un long lap penalty poi.

Tre sono infine i ritirati: Stefan Bradl, Johann Zarco e Darryn Binder hanno alzato bandiera bianca prima del previsto, incappando ciascuno in una caduta che non ha permesso loro di riprendere la corsa.

Ora i protagonisti del Motomondiale sono attesi da un fine settimana di pausa: la MotoGP tornerà infatti in pista nel weekend del 15 maggio sull’asfalto francese di Le Mans.

 


Print Friendly and PDF

TAGS