Iscrivono quattro pecore a scuola per salvare una classe

di Fausto D'Addario | 15 Maggio 2024 @ 05:00 | ATTUALITA'
Scuola
Print Friendly and PDF

Iscrivono quattro pecore a scuola per salvare una classe. Scene da “Un mondo a parte”, quelle che si sono verificate in una scuola francese dell’accorpamento scolastico di Nitting-Voyer-Hermelange nel nord-est della Francia.

Si tratta di una provocazione per protestare contro una legge, prevista dalla Pubblica Istruzione, che impone la chiusura di intere classi, se non si raggiunge un numero minimo di 98 studenti. Ma per la quinta elementare dell’istituto, al rientro a settembre, ci sono solo 94 nomi, quattro in meno rispetto alla soglia prevista.

Come nel film diretto da Riccardo Milani i protagonisti Michele, Agnese e i bambini fanno di tutto per evitare la chiusura della loro scuola, così genitori e funzionari dell’istituto francese non si sono persi d’animo e hanno escogitato una soluzione originale: iscrivere quattro pecore a scuola.

“Dato che i ragazzi sono contati come pecore, tanto vale spingere fino in fondo l’assurdità del ragionamento”, ha sottolineato Loïc Firtion, presidente dell’associazione dei genitori dell’Istituto. La memoria non può che andare ad una simile iniziativa, quando i genitori di un’altra scuola francese, a Belledonne nell’Isère, nel 2019 iscrissero 15 pecore alla scuola della loro città per gonfiare i numeri.

Le quattro pecore hanno anche nomi e cognomi: John Deere, Marguerite Duprés, Phil Tondu e Valériane Deschamps, due genitori, un recapito e la data di nascita. Tutto in regola. Ovviamente i quattro nuovi “studenti” dovevano conoscere i loro futuri compagni: l’incontro con gli ovini era previsto per il 6 maggio, ma è purtroppo saltato.

Ai docenti è stato dato ordine di non far uscire i bambini finché le pecore non si fossero allontanate. Alla fine gli ovini, di proprietà di un allevatore locale, sono stati gentilmente ricondotti al loro ovile.

La mobilitazione dei genitori, però, non finisce qui.


Print Friendly and PDF

TAGS