“Inverno in Abruzzo”, Herbert Grabe presenta la sua mostra sulla famiglia Ginzburg

di Redazione | 19 Aprile 2024 @ 13:05 | EVENTI
Print Friendly and PDF

PIZZOLI (AQ) – “Inverno in Abruzzo”, la mostra di Herbert Grabe. Il fotografo e pittore Herbert Grabe espone le sue immagini dell’esilio della famiglia Ginzburg in Abruzzo dal 25 al 28 aprile al Palazzo Crostarosa a Pizzoli.

L’esilio nell’inverno abruzzese è un’esplorazione della storia comune di Italia e Germania. È un breve racconto di cinque o sei pagine che Natalia Ginzburg ha scritto sul suo esilio in Abruzzo. Dal 1940 al 1943 ha vissuto con il marito e i tre figli in un piccolo paese di montagna sugli Appennini. L’Abruzzo fu teatro di molti terribili crimini commessi dai tedeschi durante la Seconda guerra mondiale e la remota regione abruzzese fu scelta dal regime fascista italiano per l’esilio degli oppositori politici.

Herbert Grabe racconta questa storia con le immagini, le foto e gli oggetti che ha creato per questa mostra. In questo modo, entrambi gli elementi rivelano con sensibilità una parte importante della storia comune di Italia e Germania, molto vicina alle persone. Sono un prezioso impulso per l’umanità e la pace.

Vediamo Natalia e Leone Ginzburg, Domenico Orecchia, il piccolo sarto, Crocetta, la cameriera, il padre che ha perso il figlio. Anche i luoghi appaiono davanti ai nostri occhi: il carcere dove Leone Ginzburg morì, il negozio di Girò, il paese di Pizzoli, i paesaggi invernali dell’Abruzzo. Leone Ginzburg proveniva da una famiglia ebrea di Odessa, il padre di Natalia Ginzburg era ebreo, la madre cattolica. Vivevano a Torino. Il motivo del loro esilio era duplice. Erano oppositori del regime ed ebrei.

Wilma Rapf-Karikari, gallerista della Kunstpartner Galerie a Adlmannstein (Baviera), dice della mostra: “Herbert Grabe non è solo un grande cercatore e inventore di immagini, ma accompagna le sue impressioni con narrazioni estremamente eloquenti. Altrettanto eloquente è la sua capacità di usare la macchina fotografica per raccontare una storia con le sue fotografie: Il volto rugoso di un pastore abruzzese non ha bisogno di descrizioni. Il rapporto con le pareti rocciose frastagliate è evidente”.

Il gallerista ha anche classificato i dipinti di Herbert Grabe: “Si avvicina ai personaggi principali della storia in modo pittorico. La sua intenzione non è quella di creare una rappresentazione fotografica quasi autentica, ma di offrirci dei ritratti come possono essere immaginati, come potrebbero essere. La deliberata imprecisione che Herbert Grabe permette nei suoi dipinti consente allo spettatore di completare la propria immagine”.

Anche Herbert Grabe vuole dare un contributo alla cultura del ricordo: per l’artista questo concetto non è solo una parola, ma una base importante. L’accademica Dina Porat scrive “Il ricordo non è un obbligo, è la memoria che ci accompagna sempre”.

Sede della mostra: Pizzoli (AQ), Palazzo Crostarosa, Corso Sallustio, 144.

L’inaugurazione si terrà giovedì 25 aprile 2024 alle ore 15.30.

Orari di apertura: Venerdì 26 aprile 10 – 16, Sabato 27 aprile 10 – 17, Domenica 28 aprile 11 – 18

Herbert Grabe è nato ad Auerbach nell’Alto Palatinato in Germania e vive a Donaustauf in Baviera e a Bucchianico in Abruzzo. È un fotografo, pittore e mediatore culturale.

Links

https://www.facebook.com/biblioteca.pizzoli

https://www.facebook.com/comunepizzoli

http://www.herbertgrabe.de


Print Friendly and PDF

TAGS