Intelligence Lab dell’Università della Calabria: un abruzzese come coordinatore dell’Osservatorio sulle Fonti Aperte

Giovanni Nacci, Ufficiale in congedo della Marina Militare, fondatore di Intelli|sfèra, autore, esperto in teorie, metodi e sistemi per l’Intelligence delle Fonti Aperte,

di Redazione | 15 Settembre 2020 @ 20:45 | TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
Print Friendly and PDF

PESCARA – L’abruzzese Giovanni Nacci, Ufficiale in congedo della Marina Militare, fondatore di Intelli|sfèra, autore, esperto in teorie, metodi e sistemi per l’Intelligence delle Fonti Aperte, è stato nominato coordinatore del neonato Osservatorio sulle Fonti Aperte, l’ultima creazione del Laboratorio sull’Intelligence dell’Università della Calabria. Le OSINT (Fonti Aperte) o Open Source Intelligence sono le informazioni, legalmente ed eticamente disponibili che rappresentano un’area di studio di estremo interesse e di indiscutibile rilevanza al giorno d’oggi, non solo nell’ambito dell’intelligence.

Un Osservatorio in grado di sollecitare l’innovazione disciplinare in ambito dell’OSINT, sia sotto l’aspetto teorico che sotto gli aspetti applicativi ed etici. A far parte Osservatorio professionisti di grande esperienza appartenenti a vari settori disciplinari, dell’accademia e del mondo produttivo.

“Sono comprensibilmente felice, emozionato ed entusiasta di annunciare che il Prof. Mario Caligiuri ha voluto indicarmi come Coordinatore dell’ “Osservatorio sulle Fonti Aperte” nato in seno all’ Intelligence Lab della Università della Calabria”

Ha scritto Nacci sulla sua bacheca.

Un’invidiabile squadra interdisciplinare di esperti – e di amici – che ringrazio per aver voluto scegliere di intraprendere insieme a me questa nuova, ulteriore avventura.


Print Friendly and PDF

TAGS