“Insight aut”, buona la prima per il Festival dell’Inclusione

di Redazione | 01 Luglio 2024 @ 16:03 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – L’insight è un’intuizione, una visione interna, un guizzo propositivo e fertile di idee e proposte. Questo “insight aut” nasce dalla volontà degli operatori della Cooperativa Sociale Lavoriamo Insieme, una cooperativa che ha nella sua storia, una “visione” di integrazione e lotta allo stigma che affonda le sue radici nel movimento Basagliano.

Grazie al patrocinio del comune dell’Aquila siamo stati ospiti dell’auditorium e del parco del castello.

Dopo mesi di preparazione e organizzazione si è svolta in questi 3 giorni la prima edizione del Festival dell’Inclusione, un fine settimana dedicato all’incontro, alla formazione, alla comunicazione e alla sensibilizzazione su temi che ci sono molto cari, senza lasciare indietro la condivisione di momenti di divertimento e arricchimento, di musica e dello stare insieme e lavorare insieme.

Un festival dedicato all’inclusione, alle persone con fragilità e a chi si cura di loro per raccontare storie, condividere strumenti, individuare bisogni e sfide emergenti, interrogarci insieme su come costruire una comunità più attenta ai bisogni di tutti. Insight Aut intende creare sul territorio Provinciale e Regionale una rete “virtuosa” per mettere a sistema una modalità operativa funzionale che vede la partecipazione di scuole, famiglie, associazioni di volontariato, Università, realtà lavorative.

Insieme a personalità del mondo della musica, dello sport e della cultura, insieme a realtà che si occupano di disabilità, ci siamo interrogati sull’impatto che essa ha sul sistema familiare, sulle sfide che sono chiamati ad affrontare genitori, fratelli, sorelle e caregiver di disabilità, riflettendo sulla necessità di costruire insieme una società più inclusiva e attenta ai bisogni di tutti.

Il tema della diversità è stato affrontato con un approccio multi- disciplinare, includendo convegni di taglio medico-scientifico (come “impatto sociale dell’autismo: valutazione, interventi, progetti di vita” e dibattiti socio-culturali (“Autismo e scuola/famiglia”, “Sport & inclusione”). Oltre a questi aspetti, l’evento ha ospitato testimonianze, laboratori, spettacoli, performance musicali e film tematici.

La partecipazione di così tante realtà, di esperti, di caregiver, di operatori professionali, di associazioni del territorio ci confermano quanto ci fosse bisogno di un tempo e di uno spazio per pensare l’inclusione, per mettere in atto il confronto, per contaminare e farci contaminare dalle diversità allo scopo di favorire una cultura di vera integrazione.

INSIGHT AUT si è concluso, ci sentiamo di affermare che sia terminata una prima edizione perché siamo certi che tutto quello che abbiamo vissuto in questa tre giorni, sarà limo fertile per altre edizioni del festival.

Insight aut non è stato un evento, è stato ed è un progetto di connessione. Semina e affida al futuro una serie di concetti e pensieri che condividiamo con tutti coloro che hanno partecipato al festival.


Print Friendly and PDF

TAGS