Infrastrutture, vertice con il vice ministro Rixi. “Trovare altre risorse per la Roma Pescara”

di Redazione | 22 Giugno 2023 @ 16:36 | POLITICA
incontro Marsilio Rixi infrastrutture
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Il tema infrastrutturale non riguarda solo l’Italia ma tutto il continente europeo. Dobbiamo sviluppare una capacità produttiva che ci dia la forza per diventare competitor, tenendo presente che le opere vanno mantenute”. Lo ha detto Edoardo Rixi, viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, intervenendo all’evento “Pnrr e infrastrutture, lo sviluppo dell’Abruzzo”.

“Un tema importante e portante per quanto riguarda il suo sviluppo” gli ha fatto eco il presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio intervenendo oggi al momento di riflessione e confronto patrocinato da FiRA che si è tenuto al Blue Palace di Mosciano Sant’Angelo (Te) con la partecipazione, tra gli altri, oltre che del viceministro alle Infrastrutture, Edoardo Rixi, del presidente di FIRA Spa, Giacomo D’Ignazio, dell’amministratore delegato di Enav, Pasqualino Monti e di Lucio Menta per Rfi.

“Finalmente – ha proseguito Marsilio – oggi possiamo dire che stiamo arrivando alla definizione di una serie di opere di grande importanza per il potenziamento delle infrastrutture strategiche dell’Abruzzo alle quali la nostra regione ha dato un impulso definitivo: come la velocizzazione della ferrovia Roma-Pescara, il potenziamento dei porti e della logistica con gli interporti, la realizzazione di strade che attendevano da troppo tempo di vedere ultimati i lavori, come la Teramo-Mare. Abbiamo bisogno di nuovi finanziamenti che potremo ottenere solo se l’Abruzzo dimostrerà di poter spendere questi soldi e se dimostra di voler realizzare queste infrastrutture”.

Marsilio ha aggiunto anche che la Regione, come già sta facendo da tempo, è sempre a disposizione per organizzare tavoli di mediazione e per conciliare i diversi interventi in campo e per far sì che la realizzazione di queste infrastrutture non solo non produca danni, ma sia a beneficio dei territori: fatte salve le dovute compensazioni e i giusti compromessi, nonché le corrette progettazioni e gli interventi di mitigazione.

“Ma una cosa deve essere chiara – ha avvertito – le strade si devono fare, i porti si devono potenziare, la ferrovia deve correre veloce perché questo è il futuro dell’Abruzzo, altrimenti saremo tagliati fuori dallo sviluppo e dalle direttrici economiche principali italiane ed europee: stiamo lavorando per recuperare il tempo perduto nei decenni scorsi in cui c’è stato un sostanziale blocco degli investimenti nel nostro territorio e dobbiamo adesso cavalcare quest’onda e correre velocemente verso il traguardo e gli obiettivi prefissati”.

La Roma Pescara: trovare altre risorse

“La Roma-Pescara se non può esser fatta con la tempistica con il Pnrr – ha affermato il viceministro – deve essere finanziata con altri fondi che abbiano una durata più lunga. Lo Stato non può pensare che il fine sia lo strumento, ovvero l’utilizzo delle risorse, il fine deve essere la realizzazione di un piano nazionale che sia coerente e che garantisca la resilienza del nostro sistema e che non vengano bloccate le linee di collegamento”.

“Abbiamo un grande brand – ha sottolineato Pasqualino Monti, amministratore delegato Enav – che è il brand Italia, a tre colori, che sono straordinari e che disegnano l’appartenenza a qualcosa di molto più grande e quindi il nostro compito istituzionale deve essere quello di far conoscere le nostre eccellenze nel mondo”.

Per la prima volta “abbiamo la possibilità di grande alleanza strategica tra pubblico e privato – ha dichiarato intervenendo Carlo De Simonedocente Luiss Business School – forse la prima volta per il nostro Paese. Se ci pensiamo noi veniamo da un post guerra che è durato fino al ‘93 con una crescita economica definita spontanea: boom economico, politica industriale, però disorganizzata. Il ‘93 invece ha segnato l’epoca di una crescita regolata fino al 2022 caratterizzata da un’unica matrice iniziata con un governo tecnico e finita  con un governo sempre tecnico. Questo è un momento storico di crescita perchè non c’è solo il Pnrr ci sono moltissimi fondi e grandissima liquidità”. 

“Con l’ultimo atto autorizzativo pervenuto ieri dal Comitato Speciale del CSLLPP  – ha detto in conclusione Lucio Menta, Direttore Investimenti RFI – Rete Ferroviaria Italiana – si è concluso positivamente l’iter autorizzativo dei lotti Scafa-Manoppello-Interporto. Quindi RFI procederà a pubblicare i relativi bandi di gara entro il corrente mese per consentire l’aggiudicazione dei lavori entro l’anno e dare così immediato avvio ad un’opera strategica per l’Abruzzo e per il Paese”.


Print Friendly and PDF

TAGS