Influenza e covid, Giansante: “Casi in aumento”. Ecco chi e come deve vaccinarsi

di Alessio Ludovici | 07 Dicembre 2023 @ 05:00 | SANITA'
vaccini antinfluenzali
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Siamo entrati nel pieno della stagione fredda e di conseguenza anche per ciò che concerne le cosiddette “malattie stagionali” stiamo avendo un deciso aumento”. A fare il punto della situazione epidemiologica è Enrico Giansante, responsabile del servizio Igiene e sanità pubblica  della Asl dell’Aquila.

“Per quanto riguarda l’influenza i casi sono intorno al 9,5 per mille ma ci aspettiamo un aumento”. Dati, specifica Giansante, in linea con la media nazionale per il momento.

In media con il resto del paese anche i dati sul Covid, che “ha perso pericolosità, ma resta una malattia importante”. 

Per entrambi restano fondamentali le campagne vaccinali che, con l’arrivo del freddo, stanno avendo un’impennata di richieste.

“La vaccinazione è raccomandata a tutti i soggetti dai 60 anni in su e a quelli con patologie particolari: diabetici, cardiopatici, immunodepressi, bambini”.

“L’andamento della campagna antinfluenzale sta andando bene, alla data di oggi abbiamo somministrato, su tutte le categorie, circa 39mila vaccini ma speriamo di aumentare. Siamo proprio nel pieno della campagna, prima ha fatto caldo, adesso la gente sta andando di gran carriera.”

Meno bene il fronte Covid, preso un po’ sottogamba dalla popolazione: “Quella che langue è l’anticovid, i numeri sono pochi, c’è un senso di assuefazione o si è portati a pensare che non sia pericoloso ma è pur sempre una malattia importante. Del resto, se è meno pericoloso di prima, è proprio grazie al fatto che ci siamo vaccinati”.

Raccomandato quindi il vaccino anche per il Covid, per i soggetti più anziani e più a rischio, meno per i bambini. Sono attive anche le campagne vaccinali per pneumococco e fuoco di Sant’Antonio che dopo l’estate, con la ripresa di scuole e lavoro, hanno tipicamente una recrudescenza.

La macchina della Asl lavora a pieno ritmo anche grazie alla collaborazione di medici di medicina generale, pediatri e farmacie. “C’è una grossa collaborazione, medici e pediatri per noi sono il fulcro della campagna perché conoscono i loro assistiti”, abbiamo fatto diversi incontri con i nostri operatori e i medici di base”.

Come vaccinarsi

“All’Aquila, per quanto riguarda gli adulti, c’è il centro vaccinale di Bazzano dove si può accedere liberamente e senza prenotazione tutti i giorni dalle 8.30 alle 13.30 e in più il lunedì e giovedì dalle 14.30 che 16.30”

“In alternativa”, ricorda Giansante, “si può andare dal proprio medico di base o in farmacia, molti hanno aderito sia per la vaccinazione covid che per influenza. Per quanto riguarda i bambini, vaccinabili per l’influenza dai 6 mesi ai 6 anni, si può andare direttamente nel presidio ospedaliero di Coppito, all’edificio 12, presso l’ufficio vaccinazione pediatrica.” 

Le raccomandazioni, infine, sono sempre le stesse ma non meno importanti. “La prima è vaccinarsi, sia contro il covid che contro l’influenza. Se si prende la malattia bisogna evitare il fai da te, non usare antibiotici a sproposito, e sono fondamentali il riposo e la convalescenza. Sono malattie che possono essere pericolose, calcoliamo che ogni anno ci sono 7-8mila decessi diretti per l’influenza”.


Print Friendly and PDF

TAGS