Infiltrazioni di acqua alla mensa di Roio, l’Adsu striglia l’ateneo

La presidente dell’Adsu Eliana Morgante e il vicepresidente Antonio Pensa: "Abbiamo scritto tre lettere al rettore Alesse, mai ricevuto risposta"

di Redazione | 09 Aprile 2022 @ 18:20 | ATTUALITA'
adsu l'aquila
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – I vertici dell’azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) della provincia dell’Aquila sollecitano l’Università a risolvere i problemi d’nfiltrazione dei ocali per riaprire la mensa del polo universitario di Economia. La presidente dell’Adsu Eliana Morgante e il vicepresidente Antonio Pensa intervengono dopo una serie di sollecitazioni rivolte all’ateneo aquilano: “Nessuna risposta alle nostre istanze per attivare un importante servizio per gli studenti. Inspiegabile che l’ateneo rimanga in silenzio con l’azienda e appoggi la mobilitazione per la struttura di Roio che tornerà in funzione il 20 aprile. non esistono studenti di serie a e b”. 

Dunque l’Adsu torna a sollecitare l’Università dell’Aquila sulla vicenda della mensa del polo universitario di Economia che serve anche il vicino umanistico, non riaperta dopo il lockdown per il mancato intervento dell’Ateneo relativo ad alcune infiltrazioni negli ambienti. 

A sottolineare la necessità di “una soluzione concreta e tempestiva” sono la presidente dell’Adsu Morgante e il vicepresidente Pensa, proprio in concomitanza con l’annuncio della riapertura, il 20 aprile, della mensa a servizio del polo della frazione aquilana di Monteluco di Roio.

L’Adsu dell’Aquila ha finora inoltrato, senza avere riscontro, all’Ateneo quattro comunicazioni tese a richieste di intervento, tre agli uffici (28 settembre, 26 ottobre e 23 novembre 2021) e una lettera del presidente Morgante al rettore Edoardo Alesse, perché fosse eliminata la serie di infiltrazioni di acqua nei locali della refezione studentesca: questa è la causa per la quale la mensa non è in funzione da mesi, con i vertici universitari che non hanno dato finora risposta alle istanze dell’azienda. Si tratta di problemi preesistenti e mai risolti che impediscono all’Adsu di gestire il servizio, nonostante gli investimenti messi in campo per allestire la mensa. In riferimento alle recenti polemiche legate alla riapertura della mensa di Roio, “in merito alla quale l’Adsu ha messo in evidenza, in trasparenza ogni fase dei percorsi amministrativi e dell’intervento”, i vertici dell’Azienda spiegano che:

“Si resta basiti di fronte all’atteggiamento del Rettore che non risponde all’Adsu sulla tematica delle infiltrazioni alla struttura della mensa del polo di Economia, ma che sottoscrive, unitamente ad altri docenti e agli studenti dell’Udu la richiesta di informazioni all’Azienda per il diritto agli studi universitari sulla ‘data certa per il ripristino totale del servizio’ della mensa nel polo di Roio, che sarà riaperta il 20 aprile prossimo”. “Il prof Alesse, da un lato si disinteressa e dall’altro si mobilita, sono evidenti le differenze che portano alla considerazione che per l’Ateneo ci sono studenti di serie ‘A’ e di serie ‘B’. L’Adsu per sua impostazione, non ama ricorrere ad eclatanti manifestazioni di protesta per richiamare, ad arte, l’attenzione generale sulle problematiche esistenti, preferendo invece, portare avanti, con serietà ed abnegazione, le proprie attività, senza distrarre l’opinione pubblica dai problemi veri, ma visto che le note inviate dall’azienda e la mia lettera al rettore non hanno ottenuto alcun riscontro, sollecitiamo ancora una volta un’azione tempestiva da parte dell’ateneo. E ciò a beneficio della sicurezza degli studenti, della qualità dei servizi e del buon nome della stessa Università”.


Print Friendly and PDF

TAGS