Incidenti sul lavoro: “le incidenze di mortalità più importanti dei numeri assoluti”

Intervento di Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre

di Redazione | 19 Novembre 2021 @ 10:39 | ATTUALITA'
morti-lavoro
Print Friendly and PDF

L’intervento di Rossato si concentra sugli ultimi due anni della pandemia, “Oltre ai numeri assoluti che contano le vittime del Covid -19, sono le incidenze della mortalità – calcolate sulla popolazione di una regione – a determinare concretamente i parametri dell’emergenza e di conseguenza le risposte del sistema sanitario per arginarla.” In seguito, Rossato crea un parallelismo tra le morti di Covid-19 e le morti sul lavoro “E lo stesso vale per le morti sul lavoro. I tassi di incidenza degli infortuni mortali, calcolati rispetto alla popolazione lavorativa, sono la base più solida per individuare quali siano le regioni e le province in cui i lavoratori rischiano maggiormente di perdere la vita. Questi dati – ne siamo certi dopo oltre dodici anni di monitoraggio quotidiano dell’emergenza nel nostro Paese – devono essere conosciuti, devono essere posti sotto i riflettori. Perché solo così le regioni potranno (e dovrebbero) adottare piani di prevenzione adeguati alla propria situazione territoriale: dai controlli alle politiche di prevenzione informative e formative, continua.  La tragedia delle morti bianche è sicuramente una piaga nazionale che non conosce confini. Ma ci sono aree della Penisola in cui risulta essere indubbiamente più rischioso lavorare. E non è la cronaca a fornire questo dato. Anzi, probabilmente i media forniscono un’immagine fuorviante del dramma: spesso in effetti sono i numeri assoluti ad essere posti in primo piano incalza Rossato. Con questo non sminuiamo il prezioso apporto di tv, radio e giornali che ci ricordano quotidianamente l’emergenza. Ma, di sicuro, non la definiscono in modo esaustivo. Dire ad esempio che in Lombardia e nel Lazio, vengano rilevati numeri preoccupanti non significa che siano queste le regioni meno sicure del Paese per i lavoratori. Piuttosto, sarebbe opportuno sempre precisare che sono anche quelle con il maggior numero di lavoratori. Altra cosa invece è calcolare la mortalità sulla popolazione lavorativa. Perché è questo il vero indicatore, l’analisi più lucida a cui la politica interessata a dare una risposta alle morti bianche dovrebbe fare riferimento aggiunge Rossato. Il presidente in seguito conclude “che come Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering, l’abbiamo creata una mappatura: dipingendo l’Italia a colori. Gli stessi utilizzati per distinguere i differenti livelli di allarme in tempo di pandemia. Così nei primi nove mesi del 2021 a finire in Zona Rossa sono: Puglia, Campania, Basilicata, Umbria, Molise, Abruzzo e Valle D’Aosta; in Zona Arancione: Trentino Alto Adige, Piemonte, Emilia Romagna e Marche; In Zona Gialla: Liguria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Sicilia e Veneto; In Zona Bianca: Toscana, Lombardia, Sardegna e Calabria.”

 

Rossato dati


Print Friendly and PDF

TAGS