Inchiesta Asl Pescara e suicidio Trotta, le reazioni in Abruzzo

di Redazione | 08 Aprile 2021 @ 16:45 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

PESCARA – “E un momento buio per la Regione Abruzzo. Quando si leggono notizie che mettono in relazione politica e reati contro la cosa pubblica lo Stato perde sempre.” Così Domenico Pettinari, consigliere regionale.  “Sono un convinto sostenitore della legalità e dell’incorruttibilità, e credo fermamente che chi svolge un ruolo pubblico debba essere fonte di ispirazione ed esempio per questi valori. Invece la cronaca degli ultimi giorni ci racconta una realtà ben diversa, in cui la commistione tra interesse privato e bene pubblico sembra faccia da padrone in Abruzzo. Vicende nebulose, oscure che si insidiano nei comparti più sensibili e che in alcuni casi giungono a un epilogo drammatico, mettendo in luce tutta la fragilità di un sistema malato che deve essere contrastato in ogni modo. La Regione è un’istituzione territoriale, a stretto contatto con i cittadini, forse quella che dopo il Comune più di tutte guarda negli occhi i propri elettori e sostenitori. Che sono persone, ricordiamolo, e non pacchetti di voti da scambiare come figurine mettendo in palio regali o favori. Che sono cittadini, ribadiamolo, con diritti imprescindibili che noi dovremmo tutelare e garantire. Chi non ha ben chiari questi concetti e oggi siede sui banchi delle istituzioni, forse dovrebbe fare un passo indietro. Ma so già che non avverrà.
Ringrazio ancora una volta gli inquirenti che fanno luce lì dove si spegne il lume dell’onestà e del buon senso di ognuno di noi. Non mi stancherò mai di ribadire che è proprio grazie agli uomini e allo donne dello Stato, che combattono la corruzione e i sistemi mafiosi che siedono, purtroppo, anche sui banchi delle istituzioni, se abbiamo la speranza di far crescere i nostri figli in un Paese diverso. A loro il mio sostegno, sempre.”

Testa: “Sconcerto e profondo dolore”

Con sconcerto e profondo dolore ho appreso della morte tragica di Sabatino Trotta, dirigente del dipartimento di Salute Mentale della Asl di Pescara. Una notizia raggelante che lascia solo senza parole. Alla moglie e alla famiglia vanno le mie più sentite espressioni di vicinanza e condoglianze”.

 

Il cordoglio di Sara Marcozzi

“La scomparsa di Sabatino Trotta, dirigente del dipartimento di Salute Mentale della Asl di Pescara, è una notizia tragica. Esprimo il mio cordoglio e la mia vicinanza alla famiglia e alle persone a lui care”. Ad affermalo è il Capogruppo M5S in Regione Abruzzo Sara Marcozzi.

Uil Polizia Penitenziaria: “Ogni morte in carcere è sempre una sconfitta”
  
“Siamo attoniti e sgomenti per quanto accaduto.” Esordisce così il segretario locale della UIL PA polizia penitenziaria Renato Tramontano sui fatti che hanno caratterizzato il suicidio del dirigente della Asl Serafino Trotta. “Da tempo denunciamo la grave situazione di organico che insiste presso la Casa Lavoro di Vasto ma risultati in termini di adeguamento ai numeri previsti purtroppo tardano ad arrivare.” 
“Su 99 addetti previsti solo 70 risultano oggi in attività dei quali solo 20 sono coloro deputati al controllo diretto.
19 sono in attesa di pensionamento e 4 in malattia a lungo termine. Troppo pochi per garantire ciò che l’articolo 27 della Costituzione ci invita a fare.”
“Un suicidio in carcere è sempre una sconfitta per il sistema penitenziario, da troppo tempo la UILPA  Polizia Penitenziaria abruzzese sta lanciando l’allarme sulla carenza di organico nelle carceri.” Interviene così sulla triste vicenda il segretario generale UIL PA polizia penitenziaria Abruzzo Ruggero Di Giovanni. “La scelleratezza dei tagli lineari di poliziotti ed il mancato turn over creano problematiche gestionali che si riversano soprattutto sui detenuti; la polizia penitenziaria è sempre riuscita a garantire la “gestione d’emergenza” che abbiamo in tutti gli degli istituti abruzzesi, ma in casi come questo, dove non era possibile prevedere il gesto terribile, possiamo solo auspicare che non vengano immaginate responsabilità da parte degli insufficienti poliziotti in servizio” conclude il segretario generale regionale Ruggero Di Giovanni.

Print Friendly and PDF

TAGS