In Ucraina è battaglia, Zelensky rifiuta offerta Usa di evacuare

di Redazione | 26 Febbraio 2022 @ 11:31 | ATTUALITA'
Italpress
Print Friendly and PDF

KIEV (UCRAINA) (ITALPRESS) – Notte di combattimenti a Kiev e in tutta l’Ucraina. L’ultimo aggiornamento ufficiale disponibile è quello dello Stato maggiore ucraino. I russi starebbero rafforzando la loro presenza nelle regioni di confine, nell’Ucraina orientale e nella regione di Kiev facendo convergere anche i riservisti. Bombardamenti si sono avuti a Sumy, Poltava e al porto di Mariupol. Dal Mar Nero i russi avrebbero lanciato missili verso queste città, mentre alcuni missili hanno colpito altre zone dell’entroterra. Come già nei giorni scorsi, la gestione delle azioni tattiche dell’aviazione russa avviene dal territorio della Bielorussia, e dalla Crimea. Infrastrutture civili sono state colpite a Odessa e nella regione di Kiev.

Secondo fonti russe sarebbe caduta la città di Melitopol, dove gli scontri erano cominciati ieri mattina. Gli ucraini per ora mantengono il controllo a est di Charkiv, seconda città del Paese. Durissimi combattimenti sono in corso a Koblevo. L’aeronautica militare ucraina sta effettuando attacchi aerei contro i russi, un velivolo con paracadutisti russi è stato distrutto. L’esercito ucraina continua ad ammassare materiale militare nelle regioni di Kiev, Chernihiv e Kherson. Le perdite stimate dei russi, secondo lo stato maggiore ucraino, sono complessivamente finora di 14 velivoli ordinari, 8 elicotteri, 102 carri armati, 536 veicoli d’assalto, 15 cannoniere.
Situazione tesa nella capitale. Bombardamenti starebbero colpendo alcuni parti della città. Un edificio residenziale e l’area intorno all’aeroporto di Zhulyany sono stati colpiti da missili. Il presidente ucraino, Vladimir Zelensky ha diffuso stamane un video fuori dal suo ufficio a Kiev, affermando che i militari “non deporranno le armi”. “Buongiorno a tutti gli ucraini! Ultimamente, ci sono state molte informazioni false online, con un invito al nostro esercito a deporre le armi ed a evacuare”, ha detto, e poi rivolto ai militari ha aggiunto: ” Io sono qui. Non deporremo le armi.
Difenderemo il nostro Stato. Perché la nostra arma è la nostra verità. E la verità è che questa è la nostra terra, il nostro paese, i nostri figli. E difenderemo tutto questo. Questo è tutto ciò che volevo dire. Gloria all’Ucraina”.
Intanto però si sentono colpi di arma da fuoco anche nelle zone centrali, e le sirene suonano in continuazione. Testimoni raccontano di combattimenti in corso anche nelle strade di Kiev, truppe armate avrebbero tentato un assalto nella notte ma sono state respinte lungo il viale della Vittoria, nella parte ovest della città.
(ITALPRESS).


Print Friendly and PDF

TAGS