In bici sulla seggiovia e nuovi parcheggi, “ma a Campo Imperatore la stagione parte azzoppata per colpa del Parco”

di Marco Signori | 04 Luglio 2020 @ 07:46 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Viene riattiva oggi la seggiovia delle Fontari, sul Gran Sasso aquilano, su cui si potranno trasportare anche le biciclette, si estende l’orario della funivia e scatta – non senza polemiche – la nuova organizzazione dei parcheggi a Campo Imperatore, a pagamento e contingentati.

“Ma la stagione turistica parte purtroppo azzoppata”, dice a L’Aquilablog il presidente del Centro turistico Dino Pignatelli, “perché nonostante durante nelle riunioni si fosse raggiunto un accordo, all’ultimo momento il Parco nazionale del Gran Sasso ci ha negato l’autorizzazione a far parcheggiare le auto anche alla base della seggiovia, dove avremmo dirottato i mezzi una volta che il piazzale dell’albergo si fosse riempito”.

Il Ctgs ha predisposto la possibilità di interrompere la strada che da Fonte Cerreto conduce a Campo Imperatore, appena sarà completo il parcheggio di circa 200 posti in quota, e gli addetti del Centro turistico non faranno più salire le auto. L’idea era quella di farle sostare nei pressi delle Fontari, da dove chiunque può o salire a piedi o con la seggiovia, ma ora non sarà possibile.

“Cosa dovranno fare gli automobilisti? Tornare indietro o parcheggiare lungo la strada!”, dice quasi sconsolato Pignatelli, che spiega come “è vero che quell’area ha come destinazione d’uso pista da sci e non parcheggio, ma non è un’area Sic come sostiene il Parco che, per questo, pretende che si proceda a valutazione di incidenza ambientale Vinca presso la Regione”.

“Un iter che ci farebbe perdere 6 mesi!”, rileva il presidente del Centro turistico del Gran Sasso, che denuncia come “il Parco ci ha negato anche altro spazio vicino alla stazione di monte della funivia per ampliare il parcheggio”.

Un’altra piccola polemica si è registrata per la cartellonistica installata nel piazzale Marco Simoncelli, davanti all’albergo e all’ostello, che indica la possibilità per i camper di sostare anche per una settimana, cosa possibile solo per le aree attrezzate e non per un semplice parcheggio.

Ma Pignatelli fa sapere che “stiamo predisponendo gli scarichi fognari per consentire soste prolungate, mentre l’acqua già c’è”.

Sempre da oggi, intanto, la funivia estenderà l’orario di funzionamento e sarà attiva dalle 7,30 alle 19,00.


Print Friendly and PDF

TAGS