Imprese: Cna, il tax free day arriva prima nel 2022

di Redazione | 29 Aprile 2023 @ 18:05 | AMMINISTRAZIONE E FISCO
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Prima Bolzano, poi Trento e terza Gorizia. E’ questo il podio dei capoluoghi di provincia in Italia in cui la tassazione delle imprese è più bassa. Agli ultimi posti Biella, Vercelli Agrigento. E’ la fotografia scattata dall’Osservatorio CNA nel suo rapporto 2023 dal titolo ‘Comune che vai fisco che trovi‘. Il tax free day arriva prima nel 2022.

Bolzano registra la tassazione più bassa (46,7%), inferiore di 6 punti percentuali rispetto al Total tax rate (Ttr) nazionale (52,7%). Quindi al secondo posto Trento, con un Ttr più basso rispetto al valore medio nazionale (47,9%) e una tassazione locale relativa agli immobili strumentali piuttosto alta. Segue Gorizia con 48,5%. Opposta la situazione ad Agrigento, Vercelli e Biella, ultime in classifica, dove il Ttr balla tra il 56,9% e il 58%. A pesare maggiormente l’elevato ammontare di tassazione degli immobili produttivi ai fini Imu, la cui incidenza sul Ttr è superiore in media all’1,06% della tassazione complessiva dovuta sia per gli immobili accatastati come C3 che come C1. Tra le principali città troviao Roma in 83esima posizione con il 53,4%, Milano 24esima con il 51,3%.

Il tax free day arriva prima nel 2022
Buone notizie dal tax free day. Nel 2022 la data in calendario a partire dalla quale i profitti si possono ritenere idealmente prodotti per sè da una piccola impresa italiana è arrivata prima.
Il tax free day – sottolinea l’Osservatorio – è stato il 10 luglio, in netto anticipo rispetto all’anno precedente quando era il 7 agosto.

Cala nel 2002 il total tax rate (-7,5%)
Tra il 2019 e il 2021 inizia a registrarsi una spinta verso il basso del Total Tax Rate (TTR) nella misura dello 0,4% passando dal 60,6% al 60,2% fino ad arrivare alla “rilevante riduzione” di ben 7,5 punti percentuali nel 2022. La significativa riduzione – si legge nel rapporto – è ascrivibile all’intervento di modifica dell’Irpef, inserito nella legge di bilancio per il 2022, consistente in un’ampia revisione dell’imposta relativamente alle aliquote marginali legali, agli scaglioni, nonché all’incremento delle detrazioni; eliminazione dell’Irap per gli imprenditori individuali e gli autonomi; deducibilità dell’Imu dal reddito d’impresa nella misura del 100% rispetto al 60% di deducibilità applicabile per il 2021.

Alla presentazione del rapporto era ospite anche Maurizio Leo, viceministro dell’Economia e delle Finanze. “Su questi temi non credo ci si debba dividere – commenta – troviamo linee di condivisione e convergenze. Non esiste destra, centro e sinistra, bisogna allineare il sistema ai principali paesi Ue, faremmo un risultato importante per il nostro Paese”.


Print Friendly and PDF

TAGS