Il Mibact promuove il Cinema Teatro Zeta dell’Aquila con due prestigiosi riconoscimenti

Doppietta di Manuele Morgese tra Cinema e Teatro

di Redazione | 14 Dicembre 2020, @09:12 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – In  questo periodo segnato drammaticamente dalla pandemia da Covid 19 e dalle conseguenze disastrose anche per il settore dello spettacolo, l’imprenditore e artista Manuele Morgese, direttore del Cinema Teatro Zeta, regala alla città dell’Aquila due ottimi successi, di grande prestigio nazionale ed internazionale, nel settore del Teatro e del Cinema.  

Unica compagnia teatrale abruzzese e tra le sole tredici selezionate a livello nazionale, TEATROZETA ha ottenuto il riconoscimento del Mibact, ministero per i Beni e le Attività culturali ai sensi dell’art. 42 del D.M. 27/07/2017- Direzione generale per lo spettacolo dal vivo, per la tournée internazionale in Francia, realizzata nel 2020. A dimostrazione della caratura internazionale dell’Ente teatrale aquilano. 

Secondo risultato di grande valore, riguarda il CINEMAZETA: il riconoscimento da parte del medesimo Ministero, con delibera – D.D. 7 dicembre 2020, a firma del Direttore Generale per il cinema e audiovisivo, quale Sala a programmazione “d’essai”: un cinema le cui proiezioni corrispondono ad un alto valore artistico e culturale.  

“Sono molto felice – dichiara il direttore del Teatrozeta Manuele Morgese – per aver portato a L’Aquila, candidata a Capitale italiana della cultura 2020, due riconoscimenti così prestigiosi e inaspettati. Il lavoro duro e generoso sul territorio, dopo venti anni di grande impegno, sta generando finalmente i frutti sperati. Questi risultati alleviano in parte il peso delle tante difficoltà causate da questo periodo drammatico che coinvolge tutto e tutti, non solo il nostro settore. Sperando che si torni presto alla normalità; l’auspicio mio e del mio gruppo di lavoro è di continuare a fare scelte coraggiose e di alto valore artistico, raggiungere nuovi obiettivi e incrementare la ricaduta territoriale in ottica di occupazione e massima diffusione, soprattutto tra i più giovani, delle discipline del teatro e del cinema”. 


Print Friendly and PDF

TAGS