Il Jazz Italiano per le Terre del Sisma

di Redazione | 27 Luglio 2020 @ 10:00 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Il Jazz Italiano per le Terre del Sisma” è pronto a riproporre la Marcia Solidale per il 2020, con la stessa passione e lo stesso amore per il territorio, e lo stesso universale linguaggio della musica. Verrà nuovamente rivisto, e garantito fruibile dalle guide, il percorso a tappe, con partenza sempre prevista da Camerino (MC) per tornare nei Comuni che, con grande entusiasmo, ci hanno accolto lo scorso anno. Si attraverseranno quattro Regioni: Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo nei Comuni di Fiastra, Ussita, Castelluccio, Norcia, Accumoli, Amatrice per arrivare a L’Aquila, ripercorrendo alcune tappe del Cammino nelle Terre Mutate, tra sentieri e strade, meravigliosi valichi con viste panoramiche che spaziano dagli Appennini ai Monti Sibillini, sino ai piedi del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga. Di nuovo in movimento attraverso la natura, la musica, l’arte, la cultura e non ultima la gastronomia dei produttori locali. Una sorta di pellegrinaggio laico nei luoghi simbolo delle terre colpite dal sisma, oggi doppiamente isolate, per non smettere di credere nella rinascita.

Il terremoto ci ha privati di molto, ma non è riuscito a toglierci la forza e il desiderio di non essere dimenticati. Non ci ha tolto la straordinaria bellezza della nostra fragile terra profondamente ferita. Non ci ha tolto la voce. Non ci ha tolto la musica. Ripartiamo da questo.

Si tratta di un trekking della durata di 6 giorni (8 giorni considerando anche l’evento musicale serale a Camerino il giorno precedente la partenza, sabato 29 agosto, e il giorno successivo all’arrivo, domenica 6 settembre per l’evento finale a L’Aquila). Si parte da Camerino il 30 agosto e si arriva a L’Aquila il 5 settembre, percorrendo sentieri segnalati, strade di campagna e tratti di strade asfaltate.

Per le sette giornate sarà a disposizione un furgone per il trasporto dei bagagli (per lasciare lo zaino/borsone e eventuali tende/sacco a pelo e usare solo un più piccolo bagaglio giornaliero), ma anche di supporto nel caso ci sia bisogno di veloci recuperi dei partecipanti.

 

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS