Il colonello Marco Iovinelli e la dottoressa Annaletizia Baccante nuovi soci del Rotary Club L’Aquila

di Redazione | 29 Settembre 2021 @ 15:13 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  – Il Rotary Club L’Aquila si arricchisce di due nuovi prestigiosi soci. Si tratta della Dottoressa Annaletizia Baccante e del Colonnello Marco Iovinelli. Nel corso di una partecipata conviviale del club, il presidente Antonio Di Stefano ha “spillettato” i due nuovi soci che andranno a rafforzare ulteriormente attraverso le loro preziose professionalità l’azione del Rotary Club L’Aquila a favore del nostro territorio.

Il Colonnello Marco Iovinelli, aquilano di nascita ha frequentato il I 69 ° Corso ” Orgoglio” presso l’ Accademia
Militare di Modena dove ha conseguito la Laurea in Scienze Strategiche.

Nominato Tenente, è stato assegnato all’ 11° Reggimento Alpini in Brunico quale Comandate di Plotone.

Promosso al grado di Capitano ha assunto l’ incarico di Comandante della 93″ Compagnia e successivamente della I 08 ” Compagnia del 9° Reggimento Alpini in L’Aquila.

Dopo ulteriori, successivi incarichi di particolare importanza, nel 1999 ha frequentato la Scuola di Guerra di Civitavecchiabe successivamente il 9° Corso ISSMI (Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze) dove ha conseguito il Master in ‘·Studi Internazionali Strategico Militari “.

Dal 2009 al 2010 ha ricoperto l’ incarico di Comandante di Battaglione presso la Scuola di Fanteria di Cesano.
Dal 2016 al 2018 è stato Comandante del 9° Reggimento Alpini.

Trasferito al Comando Militare Esercito ” Abruzzo Molise” prima di rivestire l’ incarico di Comandante è stato Capo di Stato Maggiore.

A livello internazionale, ha prestato servizio presso il TRADOC (Training Doctrine Command) dell’Esercito Statunitense in Fort Monroe (Virginia) ed a numerose operazioni all’ estero, Bosnia, Somalia e Libia.

Nel corso della sua carriera è stato insignito di numerose decorazioni quali la Medaglia di bronzo al merito di lungo Comando, la Croce d’ oro per anzianità di servizio, la Croce commemorativa per l’ intervento in occasione dell’ alluvione in Piemonte, quella per il servizio prestato nell’ Operazione NATO nell’ Ex Yugoslavia e quella per la salvaguardia delle libere istituzioni e mantenimento dell’ ordine pubblico. Inoltre ha ricevuto la medaglia per il servizio prestato per la politica europea di sicurezza e difesa nell’ ambito della missione EU ” ALTHEA”; Moritorina Service Meda! (Esercito USA), quella per aver partecipato alle operazioni di soccorso alle popolazioni colpite da pubbliche calamità nel 1997 (Marche), la Croce commemorativa per la missione di pace in Bosnia, quella della NATO per i se rvizi resi nell’ambito delle Operazioni nei Balcani. Ancora, medaglia per il servizio prestato per la politica europea di sicurezza e dife sa nell’ ambito della missione (EU Training Mission Somalia).

La dottoressa Annaletizia Baccante, manager di alto profilo, ha conseguito la aurea magistrale in Ingegneria Chimica presso l’Università di L’Aquila, 110/110 e lode con menzione al merito per il curriculum studiorum, Master in Quality management Consorzio Qualital Università di Pisa, Six Sigma Master Black Belt certificata presso Motorola University Francoforte, C-Level School Milano Valore D.

Proviene dalla multinazionale farmaceutica Sanofi, dove ha ricoperto, per ventuno anni (dal 1997 al 2018), ruoli di crescente responsabilità nel network industriale internazionale (Francia, Germania, UK, USA, Messico, India) ha ricoperti per 8 anni il ruolo di gestione e Direzione dello stabilimento farmaceutico di produzione di Scoppito, sito strategico e tecnologicamente avanzato nel Gruppo per alta efficienza, performance e automazione.
Durante l’esperienza in Sanofi la gestione di progetti strategici ha portato all’espansione del sito e al radicamento sul territorio grazie al forte aumento di volumi (ad es. nuovo reparto di produzione Maalox mondo) e l’introduzione di nuovi principi attivi per cure oncologiche.

Dal 2018 ed attualmente, nel suo ruolo globale di Chief Industriai Officer nella multinazionale farmaceutica Dompé, è parte dell’Executive Board ed ha la responsabilità della gestione della Divisione Industriale dell’intero Gruppo. La produzione è principalmente concentrata sul sito produttivo di L’Aquila, (del quale è Direttore), sito di produzione farmaceutica e biotecnologica dell’azienda per i mercati nazionale ed esteri, e sulle produzioni CMO afferenti al Gruppo stesso. La divisione Industriai Manufacturing porta un contributo chiave all’obiettivo strategico di Dompé di fornire soluzioni innovative e di sviluppo high-tech ai bisogni di salute nel mondo, includendo l’area delle malattie rare grazie alle applicazioni di farmaci innovativi biotech. Per questi obiettivi, sia per i farmaci maturi che per i farmaci biotecnologici, lavora in stretta collaborazione con la ricerca e sviluppo, la discovery, il settore medicoscientifico, le università e le start-up, nonché con le autorità regolatorie e ministeriali e le funzioni ed i partner commerciali.

Nel ruolo attuale, si occupa della gestione generale dell’intera business Unit Industriale, con particolare focus
sulla gestione dei costi e dei ricavi della divisione, sull’efficientamento dei processi, definendo ed implementando le strategie per l’ottimizzazione dei ricavi, per l’aumento del fatturato e per il miglioramento dei processi e dell’organizzazione della propria filiera.

Nel sito di L’Aquila gestisce l’impianto biotech approvato FDA e l’impianto farmaceutico per la fabbricazione
di prodotti farmaceutici per cure primarie (solidi, sciroppi, gocce).

L’impegno attivo delle Industriai e Commerciai Operations nel 2019 ha portato ad un raddoppio del fatturato ampliando l’esportazione dei prodotti in USA e aprendo l’ espansionesu nuovi mercati internazionali come la Cina.

L’espansione del mercato internazionale è stata la sfida sia per la produzione di farmaci per cure primarie
che per laproduzione di farmaci biotecnologici. L’impianto biotech produce il principio attivo di NGF (Nerve Growth Factor, molecola premio Nobel Professoressa Rita Levi Montalcini 1986) per la malattia di NK (Cheratite Neurotrofica). Lo stabilimento è inoltre focalizzato sulle attività biotecnologiche COMO a supporto di ricerca e sviluppo interna e partner internazionali esterni.


Print Friendly and PDF

TAGS