I parlamentari ancora incompatibili: Liris, Sala, Aruzzolo, Loizzo e Borrelli

di Redazione | 02 Dicembre 2022 @ 20:20 | POLITICA
rave
Print Friendly and PDF

ROMA – I parlamentari ancora incompatibili a oggi, venerdì 2 dicembre, nell’ambito della XIX legislatura, sono: Fabrizio Sala e Aruzzolo di Forza Italia; Guido Quintino Liris di Fratelli d’Italia; Loizzo della Lega; Borrelli di Europa Verde. Spicca il fatto che il neo senatore aquilano Liris ancora non ha presentato le dimissioni da ‘membro di Giunta regionale’ come richiede la legge 122 della Costituzione. Come approfondisce Openpolis in una indagine di tre settimane fa, “molti parlamentari nel corso della loro carriera hanno ricoperto diversi incarichi politici e in alcuni casi li ricoprivano anche al momento della proclamazione. Non sempre il mandato parlamentare è incompatibile con altri ruoli. In diversi casi però – sottolinea la fondazione – la Costituzione o la legge disciplinano le ipotesi d’incompatibilità”.

Il mandato parlamentare infatti è incompatibile con i ruoli di: presidente repubblica (articolo 84 della costituzione); membro della corte costituzionale (articolo 134 della costituzione); membro del consiglio supremo della magistratura (articolo 104 della costituzione); parlamentare europeo (articolo 122 della costituzione); membro di giunta o consiglio regionale (articolo 122 della costituzione); sindaco di comune con oltre 15.000 abitanti (Dl 138/2011 articolo 13 comma 3). I sindaci dei comuni con più di 20.000 abitanti invece sono ineleggibili (Tuel articolo 62, Dpr 361/1957 articolo 7 e Dlgs 533/1993 articolo 5).

“Se i primi tre casi non presentano questioni – sottolinea Openpolis -, non essendo stato eletto alcun deputato o senatore che ricopre al momento incarichi di quel tipo, più interessante è invece ricostruire chi, al momento dell’elezione, ricopriva gli altri incarichi. Chi tra questi si è dimesso prima di assumere il ruolo di parlamentare, chi dopo e chi ancora aspetta a farlo”.

Oltre a questi incarichi politici poi esistono altri tipi d’incompatibilità, come gli incarichi amministrativi di vertice nelle amministrazioni statali, regionali e locali, nelle aziende sanitarie od ospedaliere, incarichi dirigenziali nelle pubbliche amministrazioni o nelle società a controllo pubblico.


Print Friendly and PDF

TAGS