“I contributi femminili all’evoluzione dei mammiferi e di Homo Sapiens” per il terzo appuntamento mensile dell’Ute

di Redazione | 19 Marzo 2024 @ 16:38 | CULTURA
Locandina Ute
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Si terrà domani 20 marzo, alle 16.00, presso la Sala Ipogea del Consiglio regionale, il terzo appuntamento del mese di marzo con gli incontri organizzati dall’Ute, l’Università per la terza età.

Domani sarà la volta del prof. Aldo Lepidi che intratterrà la platea con un’interessantissima conferenza dal titolo ‘I contributi femminili alla evoluzione dei mammiferi e di Homo Sapiens’.

I variegati interessi scientifici del prof. Lepidi nel campo della Microbiologia, ben sviluppati soprattutto nella prima parte della sua carriera scientifica e poi importati a L’Aquila dopo il suo trasferimento dalla sede universitaria di Viterbo ed unificati dal filo conduttore delle interazioni tra popolazioni microbiche e ambiente, sono stati oggetto di numerose pubblicazioni, in collaborazione con gruppi di ricerca nazionali ed esteri, su prestigiose riviste nazionali e internazionali e su libri di diffusione internazionale.

A partire dal 1986, anno della sua presa di servizio come prof. Straordinario all’Università dell’Aquila, il prof. Aldo Lepidi ha sempre contribuito, a vari livelli e con diverse funzioni, al buon funzionamento ed alla crescita e modernizzazione dell’Ateneo.

Delegato del Rettore, prof. Giovanni Schippa, per l’amministrazione e per il personale dal 1986 al 1994, negli stessi anni ha svolto le funzioni di Presidente del Consiglio di Corso di Laurea in Scienze Biologiche dal 1986 al 1998, periodo durante il quale si è trovato a gestire il trasferimento delle attività didattiche presso il nuovo Polo didattico di Coppito, inaugurato appunto nell’A.A. 1989/90.

Ha gestito il passaggio dal Corso di Laurea quadriennale a quello quinquennale ed è stato il promotore e primo coordinatore della scuola di Dottorato “Ambiente e Uomo in Appennino”, ancora oggi attiva con la denominazione di Dottorato in Scienze ambientali, del cui Collegio dei Docenti ha sempre fatto parte, guidando numerosi Laureati al conseguimento del titolo di Dottore di ricerca.

Nell’AA 1998-99 è stato eletto Preside della Facoltà di Scienze MM FF NN, carica che ha ricoperto per tre mandati consecutivi, fino al 2006.

Durante la sua presidenza ha gestito il passaggio dei Corsi di Laurea della Facoltà al 3+2, secondo quanto prescritto dalla riforma Berlinguer; ha promosso l’istituzione del Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie dell’Ambiente (oggi Scienze Ambientali), del Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Chimiche e dei Materiali (oggi Chimica) e del Corso di Laurea in Biotecnologie agro-industriali (oggi Biotecnologie).

Come Vicepresidente della Conferenza dei Presidi di Scienze e Tecnologie, ha promosso e seguito la direttiva della CE relativa allo stato giuridico unitario dei Ricercatori in Europa e la Carta europea dei Ricercatori, fatta propria dalla Commissione europea.

Dal 1° novembre 2007 è stato nominato dall’allora Rettore, prof. Ferdinando di Orio, Prorettore delegato all’Ambiente, al Distretto tecnologico e al Crab di Avezzano (Centro con il quale ha collaborato alla progettazione, alla costruzione, all’avvio ed alla gestione scientifica e amministrativa per oltre 20 anni), impegno che ha svolto fino al suo collocamento a riposo.


Print Friendly and PDF

TAGS