I comuni dell’aquilano in zona rossa: casi attivi, screening in corso e qualche protesta

di Redazione | 10 Aprile 2021, @08:04 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Tanti i comuni dell’aquilano che da lunedì saranno soggetti ad ulteriori restrizioni per ordinanza del presidente della Regione Marsilio. Una decisione attesa visto il trend dell’ultima settimana. Ci sono Barisciano, Poggio Picenze, Fossa, Ocre, Sant’Eusanio Forconese, Villa Sant’Angelo, San Demetrio ne’ Vestini, Fagnano Alto, Prata d’Ansidonia, San Pio delle Camere, Caporciano, Navelli e Collepietro.

Tanti i casi attivi e diversi i nuovi contagi. A Ocre l’ultimo bollettino registra 13 casi attivi e ci sarà uno screening della popolazione domenica 11. Non l’hanno presa bene invece a Poggio Picenze dove i positivi al momento sono soltanto 4: “Non è nostra intenzione entrare nel merito – si legge in una nota del Comune – ci piacerebbe soffermarci più che altro su come, per la seconda volta, le notizie che riguardano intere comunità siano passate prima per gli organi di informazione, mettendo in secondo piano i sindaci”.

Giovanni Berardinangelo, sindaco a Sant’Eusanio, ha informato due giorni fa di un nuovo caso nel paese. A Villa Sant’Angelo l’ultimo bollettino noto parla di 9 positivi con ben quattro ricoveri.  Ulteriori restrizioni anche per Barisciano che ha più di venti casi attivi. Il sindaco Fabrizio D’Alessandro ieri sera ha ricordato le regole in vigore da lunedì: “Sono vietati gli spostamenti in entrata e in uscita dal nostro territorio comunale, nonché all’interno dello stesso, fatta eccezione che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità e naturalmente per motivi di salute. Didattica a distanza per le classi di seconda e terza media. Possono rimanere aperte le attività commerciali di vendita di generi alimentari e di prima necessità e la farmacia. E’ consentita la vendita per asporto ai bar fino alle ore 18. Il mercato del martedì e del sabato è consentito con i soli banchi di generi alimentari e di prima necessità, di prodotti agricoli e florovivaistici. Chiusi parrucchieri e barbieri. Resta naturalmente in vigore la disposizione del coprifuoco notturno tra le ore 22 e le ore 5.”

Restrizioni anche per il Comune di San Demetrio, che ad oggi conta 21 casi attivi secondo il bollettino diramato ieri dall’ente. Nell’ultimo screening chiuso due giorni fa sono emerse 4 nuove positività a fronte di 438 tamponi effettuati. 

 


Print Friendly and PDF

TAGS