I Cantieri dell’Immaginario: chiusa l’edizione 2022

di Redazione | 08 Agosto 2022 @ 18:30 | EVENTI
I Cantieri dell'immaginario
Print Friendly and PDF

L’AQUILA. “Quando prendemmo il testimone dei Cantieri dell’Immaginario ci rendemmo conto che il festival andava ripensato per una città e un territorio che dovevano riacquistare la speranza rispetto ad una rinascita che stentava a partire e ad un futuro che era difficile persino sognare”.

Così il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, parlando dell’edizione 2022 del festival, conclusasi nella serata di ieri.

“La voglia di ripartire ed essere protagonisti degli aquilani, la rifioritura fisica e comunitaria, la costruzione di un futuro possibile hanno un comune denominatore che si chiama cultura. E, il successo delle cinque edizioni – prosegue Biondi – dei Cantieri dell’Immaginario, delle cinque edizioni della rinascita ci raccontano ancora e ancora della bellezza, della magnificenza, della necessità materiale e morale dell’arte nelle sue molteplici coniugazioni e contaminazioni. Anche quest’anno il festival è riuscito a stupirci, a farci riflettere, a farci cantare e ballare, è riuscito a farci innamorare e rinnamorare, a farci sentire meno soli, ad esaltare il nostro essere comunità”. 

Un’edizione, quella di quest’anno, che con i suoi diecimila spettatori ha confermato la scelta di innovare il festival dell’estate aquilana. Nel teatro all’aperto, allestito quest’anno in Piazza Duomo, ma anche all’Auditorium del Parco e nel cortile di palazzo Ciolina più di 30 eventi; spettacoli di teatro, musica e danza hanno animato le serate aquilane dal 18 luglio al 7 agosto. 

I Cantieri dell'Immaginario

Noemi in concerto per I Cantieri dell’Immaginario

“Come un crescendo rossiniano si conclude l’edizione 2022 dei Cantieri dell’Immaginario; tanti eventi per tutti, gremiti di gente,– spiega il direttore artistico, M° Leonardo De Amicis – un’escalation di emozioni nelle idee e nella realizzazione di nuovi progetti artistici a sostegno del dialogo tra i diversi linguaggi dell’arte condivisi con le Istituzioni culturali aquilane.

L’eco nazionale di questo bel progetto si sente già e ogni artista che calca il nostro palcoscenico chiede di tornare presto; un successo questo che la nostra città merita di avere. In cinque anni di Direzione artistica dei cantieri ho voluto costruire una nuova identità culturale per la città, condividendola con le Istituzioni aquilane, nel rispetto della cultura stessa e del numeroso pubblico pagante che ogni sera ha preso parte agli eventi. Abbiamo riconquistato anno per anno luoghi diversi  ma l’obiettivo straordinario è stato quello di riportare la cultura a tutti i livelli, ad ogni età e formazione culturale”.

Per Pietrangelo Buttafuoco, presidente del Teatro Stabile d’Abruzzo, che ha coordinato la rassegna, “le cinque edizioni dei Cantieri dell’Immaginario, che hanno accompagnato la rinascita dell’Aquila hanno visto il TSA, grazie ad una felice intuizione del sindaco Biondi, non solo soggetto fondamentale nell’organizzazione del festival, ma istituzione in grado di proporre eventi artistici di forte richiamo culturale, con debutto proprio in occasione della manifestazione aquilana.

Così è stato con la prima nazionale di Clitemnestra, grazie allo straordinario testo di Luciano Violante (uno spettacolo che con le sue innumerevoli repliche porta la fabbrica della fantasia d’Abruzzo in tutta Italia) e così è stato con l’anteprima nazionale de La misteriosa fiamma della Regina Loana dal romanzo di Umberto Eco.

Un assoluto d’arte, un innesto di pura letteratura nella viva carne dello spettacolo, che solo all’Aquila ha potuto trovare culla. I Cantieri dell’Immaginario hanno contribuito infatti a riportare L’Aquila al centro della vita culturale italiana, sostenendo le realtà più blasonate a ritrovare la voglia di sperimentare e le associazioni di prossimità a crescere in un confronto continuo con le istituzioni Fus e con il territorio.

Un marchio di qualità nella creazione di solida economia, quello dei Cantieri, un modello di produzione che fa dell’Aquila il punto di partenza del viaggio più entusiasmante. Quello della bellezza. Nel cambiamento. Nel grande palcoscenico d’Italia”.

 


Print Friendly and PDF

TAGS