Hotel Campo Imperatore: consegnati lavori di ristrutturazione

Ci vorrà circa un anno e mezzo a concludere gli interventi finanziati con 3,8 milioni di euro

di Redazione | 30 Settembre 2022 @ 06:15 | ATTUALITA'
hotel campo imperatore
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Sono stati affidati ieri mattina i lavori per il rifacimento dell’hotel di Campo Imperatore, l’albergo ai piedi del Gran Sasso i piedi del Gran Sasso nel quale venne tenuto prigioniero Benito Mussolini nel ’43 dopo la caduta del fascismo. Alla consegna dei lavori di ristrutturazione e riqualificazione dello storico albergo hanno preso parte il sindaco Pierluigi Biondi, il vicesindaco con delega alla Ricostruzione dei beni pubblici e piano di sviluppo del Gran Sasso Raffaele Daniele, l’assessora al Turismo Ersilia Lancia, il consigliere comunale con delega alle Politiche per la montagna, Luigi Faccia, il consigliere comunale Daniele D’Angelo, il dirigente del Provveditorato alle opere pubbliche per Sardegna-Lazio-Abruzzo Gennaro Di Maio, il titolare dell’Usra Salvo Provenzano, dirigenti e funzionari tecnici comunali. 

“Una bella giornata per la città dell’Aquila e la sua montagna”, ha commentato il sindaco Biondi.

Ci vorrà circa un anno e mezzo a concludere gli interventi finanziati con 3,8 milioni di euro, di cui 3 a valere sulla delibera Cipe 135 del 2012, ai quali si sono aggiunti fondi provenienti dal bilancio comunale. 

GLI INTERVENTI

Le opere riguarderanno il rinnovamento totale della parte impiantistica della struttura, l’abbattimento delle barriere architettoniche, il rifacimento delle coperture esterne, la realizzazione di un centro benessere con piscina interna, sauna e bagno turco, una sala lettura, un bar, spazi dedicati a servizi di pronto soccorso e nolo attrezzature sciistiche e avrà una disponibilità ricettiva di 80 posti letto. 

“Il nostro ringraziamento – hanno dichiarato il sindaco, il vicesindaco e l’assessore – va ai dirigenti e ai funzionari del Provveditorato per il lavoro svolto, e con cui è in essere una proficua collaborazione, a tutti i soggetti istituzionali con cui stiamo per raggiungere l’obiettivo: ente Parco, vigili del fuoco e Usra – nonché al dirigente comunale e esponsabile unico del procedimento Roberto Evangelisti e ai funzionari e tecnici dell’ente. 

Per il sindaco e gli assessori Daniele e Lancia “la consegna dei lavori per la ristrutturazione e la riqualificazione dell’albergo di Campo Imperatore segna un punto di svolta per il Gran Sasso ma, riteniamo, anche per l’intero territorio. Verrà riconsegnata  una struttura dall’indubbio valore storico, architettonico e culturale: una gemma che andrà a impreziosire uno scenario unico sotto il profilo ambientale, aumentandone l’attrattività per turisti e appassionati della montagna, tanto nella stagione estiva quanto in inverno. Un tassello importante – proseguono – ricompreso in una strategia di ampio respiro con interventi mirati come, ad esempio, il collegamento meccanizzato, per il quale abbiamo impegnato 1,7 milioni a valere sulle risorse del fondo complementare al Pnrr per le aree colpite dal sisma, tra fonte Cerreto e il parcheggio Simoncelli (su cui sono previste anche la realizzazione di aree camper attrezzate, nuovo infopoint e servizi). Altre risorse, pari a 900mila euro e sempre messe a disposizione dal fondo complementare al Pnrr, saranno utilizzate per riqualificare la funivia, che quest’anno ha fatto registrare 100mila passaggi, 30mila dei quali solo nell’estate appena conclusa. Il Gran Sasso non è mai stato, per questa e la precedente amministrazione, un semplice slogan elettorale ma un obiettivo da portare avanti per la nostra comunità, innanzitutto, oltre che per gli amanti della natura e dello sport”. 

hotel campo imperatore

 

Era il gennaio 2020 quando  l’amministratore unico del Centro turistico del Gran Sasso Dino Pignatelli chiese al sindaco che il Comune si faccia stazione appaltante per velocizzare l’iter. “L’atto di intesa tra Comune e Provveditorato è del 9 maggio 2016 per l’attuazione degli interventi previsti nel business plan e finanziati con delibera Cipe 135 del 2012; piano che prevedeva che i lavori si concludessero nel 2019. A oggi soltanto l’ostello è stato completato mentre tutti gli altri interventi sono ancora in fase progettuale, si chiede, dunque che l’atto d’intesa venga rivisto restituendo la titolarità degli interventi al Comune”, scrisse Pignatelli. Criticità superate con il sugello finalmente della consegna dei lavori avvenuta ieri. 


Print Friendly and PDF

TAGS