Hans Niemann: “Ciao mondo degli scacchi, vi sono mancato?”

di Enrico M. Rosati | 10 Settembre 2023 @ 06:00 | CHECKMATE
Niemann
Print Friendly and PDF

CHECKMATE  –  Giunge a una risoluzione, o quantomeno così sembra dal video postato su X, la storia di Niemann e Carlsen: lo scandalo più grande nel mondo degli scacchi a partire dal nuovo millennio. Gli scacchisono da sempre una realtà notoriamente controversa, basti pensare ai campioni del mondo che, dopo aver mosso una pedina, si sedevano in un angolo buio della stanza in attesa del loro turno, oppure a chi, completamente nudo, prendeva i mezzi pubblici. Senza dimenticare Bobby Fischer, considerato da molti il più grande giocatore di tutti i tempi, e la sua graduale trasformazione in una persona xenofoba, o proprio Korchnoi che accusò l’avversario di ricevere informazioni segrete sulle mosse da giocare attraverso uno yogurt.

Purtroppo, o per fortuna, gli scandali di oggi non raggiungono tali livelli assurdi, ma riescono comunque ad essere eccentrici a modo loro. Infatti, non possiamo non menzionare il caso di Hans Niemann contro Magnus Carlsen, che sembra uscire vincitore dall’accusa di aver barato in una partita contro il campione norvegese, come suggerito dalla risoluzione legale del conflitto tra i due. Seguendo le orme di Eminem nella canzone “Guess who’s back“, del Joker interpretato da Heath Ledger e Jack Nicholson in “Shining”, le prime parole del giocatore americano fanno venire i brividi: “Vi sono mancato?”.

Per ripercorrere la storia, Niemann ha citato in giudizio Magnus Carlsen per 100 milioni di dollari, accusandolo di aver rovinato la sua carriera dopo che il campione del mondo ha suggerito che avesse barato per ottenere una sorprendente vittoria contro di lui in un torneo nel 2020. Durante l’estate, la causa è stata respinta e Niemann ha raggiunto un accordo con la piattaforma online di scacchi chess.com, aprendo la strada a una molto attesa rivincita.

Le prime parole del video postato dicono molto: “Sono pronto a giocare di nuovo contro Magnus Carlsen“.

Il fatto che Niemann sia stato sbannato parla da sé, considerando che i motivi per il ban su chess.com erano chiari: “A causa delle accuse di aver barato in diverse partite, e più recentemente di quanto affermi Niemann, abbiamo deciso di allontanarlo dalla piattaforma”, dichiarò il sito per giustificare il ban.

 


Print Friendly and PDF

TAGS