Halloween in sicurezza: per non rischiare, “sale” in zucca.

Iorio, " si può fare, ma con molta attenzione, a L'Aquila tante classi in quarantena"

di Matilde Albani | 30 Ottobre 2021 @ 08:08 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  – Per la seconda volta  Halloween  si trascorre in pandemia. Lo scorso anno l’emergenza Covid, cancellò quasi del tutto questa festa mutuata dai paesi anglosassoni ma che negli anni è entrata nelle nostre abitudini.  Niente feste in maschera animate da streghe e mostri, horror party nelle discoteche chiuse, né serate con menù a base di zucca nei ristoranti. “Quest’anno, nonostante emergenza e restrizioni ridimensionate, non bisogna abbassare la guardia – spiega a Laquilablog la  dottoressa Emanuele Iorio pediatra di famiglia – siamo in una situazione particolare e assistiamo a molti classi in quaratantena.” “Il virus circola, ed è auspicabile la massima attenzione attraverso  il controllo del Green pass e i tamponi. I momenti aggregativi sono quelli più pericolosi per la circolazione del virus. Giusto che i bambini non rinuncino alla festa,  ma serve attenzione, perchè la fase è delicata”

  • Sempre una maschera chirurgica sotto quella di Halloween. La plastica della quale sono costituite, in genere, queste ultime, non è sufficiente a garantire sicurezza
  • Se stai organizzando una festa di Halloween in casa riduci al minimo la lista degli invitati o, se è il caso, pensa ad una alternativa, magari tienila all’aperto e riservala veramente a pochissimi invitati
  • Non fare uscire i tuoi figli se sono malati. Se hanno tosse, naso che cola, febbre, vomito o diarrea, è più sicuro che non entrino in contatto con nessuno. Già, perché nonostante non sia particolarmente pericolosa nei bambini, la variante Delta è più contagiosa.

 

 

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS