Guida sotto l’effetto di alcol, fermato e denunciato due volte dalla polizia

Nella mattinata l'uomo è stato fermato per guida pericolosa, nel pomeriggio si è rimesso in macchina perdendone il controllo. Deferito anche per aver danneggiato i manufatti stradali

di Redazione | 31 Marzo 2022 @ 19:18 | CRONACA
polizia stradale
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Giornata impegantiva quella di ieri mercoledì 30 marzo per la polizia stradale. Nella mattinata un uomo di 53 anni è stato fermato dalla polizia stradale dell’Aquila e denuciato per guida sotto l’effetto di alcol. L’uomo procedeva, infatti, con andamento irregolare lungo il tratto Torninparte-L’Aquila Ovest dell’autostrada A/24 creando pericolo per la circolazione che, in quel tratto di strada, prevede restringimenti di carreggiata con doppio senso di marcia. Fermato dalla polizia stradale è risultato positivo all’alcoltest con un tasso alcolemico 2,96g/l. Diverse le segnalazioni arrivate al centro operativo autostradale, che poi ha allertato la polizia stradale, proprio dal personale della viabilità e dai dipendenti in servizio nei numerosi cantieri di lavoro lì presenti. 

Il conducente, un cittadino straniero di anni 53, incensurato, residente in provincia di Rieti era in evidente stato di ebrezza alcolica, è stato fermato e accompagnato negli uffici di polizia e al termine degli atti di rito, denunciato ai sensi dell’art. 186 bis, co.3° del codice della strada che prevede la pena dell’arresto da sei mesi ad un anno e la sospensione della patente di guida fino a due anni. All’uomo è stata ritirata la patente e sequestrata l’auto. 

Alle 16,40 la polizia stradale di Carsoli è intervenuta per un incidente stradale autonomo avvenuto sull’autostrada A/24 in direzione Roma, in prossimità dello svincolo di Tornimparte. Con grande stupore gli agenti constatavano che il cinquantatreenne fermato e denunciato nella mattinata si era nuovamente messo alla guida dell’autovettura sequestrata, benché sprovvisto della patente e, nel percorrere un tratto curvilineo aveva perso il controllo del mezzo, impattando violentemente contro il sicurvia posto sulla carreggiata. Condotto in ospedale, a seguito delle ferite riportate, l’uomo è stato sottoposto ad accertamenti clinici che, tra l’altro evidenziavano un tasso alcolemico pari a 3,24 g/l. anche in questo caso, di gran lunga superiore al massimo consentito dalla legge. 

A seguito di tali ulteriori fatti, l’uomo è stato di nuovo deferito all’autorità giudiziaria per guida in stato d’ebrezza, per aver danneggiato i manufatti stradali e per aver violato l’art. 141 del codice della strada che obbliga ogni conducente a tenere una velocità di guida commisurata alle condizioni della strada e del traffico. Anche il custode del mezzo veniva denunciato per aver omesso gli obblighi derivanti dalla custodia e, per la responsabilità amministrativa nella circolazione dell’autovettura oggetto di sequestro. Conseguenze più pesanti per l’ostinato conducente al quale verrà revocata la patente di guida e verranno contestate più gravi responsabilità penali.


Print Friendly and PDF

TAGS