Green Pass, Giovannini: “Penso al ritorno del controllore sui mezzi pubblici”

di Redazione | 24 Agosto 2021 @ 13:10 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

ROMA – Giro di vite per gli utenti dei mezzi pubblici. Il ministro delle Infrastrutture, Enrico Giovannini, in vista della riaperture delle scuole ha annunciato la possibilità del ritorno sugli autobus, tram e metropolitana del controllore.

Un ritorno al passato che dovrebbe servire da deterrente per un maggiore controllo dell’afflusso sui mezzi di trasporto, in vista del rientro a scuola e nei luoghi di lavoro. La questione riguarderebbe anche il controllo dell’obbligo del Green pass e sugli eventuali soggetti non vaccinati.

Come risaputo infatti il Green pass sarà obbligatorio a partire dal 1° settembre per l’ingresso e la permanenza sui treni, sugli aerei e sulle imbarcazioni a lunga percorrenza.

Una misura estrema certamente, ma adeguata alla situazione e consona per le condizioni di sicurezza per tutti. Si ritorna dunque indietro negli anni, quando il controllore era presente in qualsiasi corsa e la sua presenza garantiva ordine e tranquillità tra i passeggeri.

Il ministro ha prospettato il ritorno del controllore durante un suo intervento sulle reti Rai.

“Il Governo ha messo in campo risorse senza precedenti – dice il ministro – parloa di oltre 600 milioni di euro da destinare alle regioni per i cosiddetti ‘servizi aggiuntivi’. Gli stessi Enti avranno il compito di spenderli attraverso i tavoli prefettizi. Inoltre, aggiunge Giovannini, sarebbero disponibili ulteriori 800 milioni per “compensare le perdite o i maggiori costi per la sanificazione”.

Dunque, per il noto esponente di Governo tutto sarebbe pronto per la pianificazione relativa ai controlli sui mezzi di trasporto. Per fare questo, conclude il ministro: “viene ripristinata la figura del controllore sui mezzi o a terra per ridurre l’affollamento su mezzi pubblici”.

 

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS