Grande successo per Antonello Venditti a Collemaggio: “Invitatemi ancora”

di Cristina D'Armi | 26 Agosto 2020 @ 16:21 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Antonello Venditti, famosissimo cantautore romano, ha regalato grandi emozioni durante il concerto  presentato dal noto conduttore radio televisivo Gianmaurizio Foderaro.

Un palcoscenico allestito sul prato di Collemaggio e adornato con un gioco di luci sulla facciata della Basilica

Nella prima parte del concerto il cantautore romano ha spiegato il significato delle canzoni che portano il nome di donna partendo da Sara, fino ad arrivare Lilly: più che una canzone è una protesta contro la droga che negli anni 70 era molto usata tra i giovani che ne diventavano dipendenti fino ad autodistruggersi, così come successe al suo ex batterista, spesso assente dalle tournée a causa della sua dipendenza.

Venditti ha ripercorso la sua vita a ritroso, ricordando grandi autori Italiani come Lucio Dalla, collega e grande amico che lo ha aiutato nei momenti più difficili e accompagnato in quelli più belli ed emozionanti. Antonello si è messo a nudo raccontando anche episodi molto personali: nel 1980 voleva togliersi la vita ma “un angioletto con un cuore grande che si chiamava Lucio Dalla mi ha salvato” afferma davanti a tutta la platea. Fu grazie allo stesso cantautore bolognese che Venditti riuscì a trovare casa a Milano.

Nello stesso periodo scrisse “Dimmelo tu cos’è“, ispirata all’epilogo della sua storia d’amore con la Izzo.

Nell’ultima parte dello spettacolo, accompagnato dall’orchestra del conservatorio “A. Casella” dell’Aquila diretta da maestro Leonardo De Amicis, Antonello Venditti ha intrattenuto il pubblico con alcune delle sue canzoni più famose e conosciute, invitando anche una giovane ragazza a cantare con lui.

A fine concerto non sono mancati i saluti istituzionali da parte del sindaco Biondi che Venditti conobbe dopo il terremoto del 2009. Per l’occasione il cantante ha incoraggiato il popolo aquilano: “una città bellissima, sicuramente la più sicura d’Italia”. Così il cantante ha definito il capoluogo abruzzese.

Dopo il bis, voluto e reclamato dal pubblico, Antonello Venditti non ha nascosto lacrime di commozione davanti al pubblico che si è precipitato sotto al palco per scattare foto e cantare a squarciagola, sempre indossando le mascherine.

L’evento è stato pensato e prodotto nella città per la città, per creare un continuum tra artisti di fama internazionale e realtà locali. Musicisti, cantanti, cittadini hanno vissuto insieme questa esperienza unica. Venditti ha accompagnato con le sue canzoni la vita ed i sogni di molte generazioni di persone.


Print Friendly and PDF

TAGS