Gran Sasso, carabinieri in pista per intensificare i controlli

Il nuovo testo della legge 40 del 2021, introduce nuove misure per praticare lo sci

di Matilde Albani | 27 Gennaio 2022 @ 06:00 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  – L’Arma dei Carabinieri è da anni presente con i propri militari nei comprensori sciistici della provincia, dove svolge un capillare controllo e monitoraggio delle piste, con relativa attività di soccorso, per garantire la sicurezza degli sciatori e perseguire i comportamenti di chi non rispetta i regolamenti per l’utilizzo degli impianti sportivi.  Il nuovo anno ha portato, però,  importanti novità. Dal primo gennaio 2022, col nuovo testo della legge 40 del 2021, è obbligatorio per tutti gli sciatori dotarsi di una polizza assicurativa che copra la responsabilità per danni o infortuni causati a terzi. In caso di mancata assicurazione, sono previsti il ritiro immediato dello skipass nonché una contravvenzione da 100 a 150 euro. Tra le ulteriori novità: tutti i minorenni dovranno infatti indossare il casco. È poi vietato consumare alcolici: in pista verranno effettuati accertamenti alcolemici e tossicologici a campione. In caso di positività, si rischia una sanzione da 250 a 1.000 euro. Necessario inoltre, rispettare la segnaletica, i limiti di velocità e le prescrizioni di sicurezza esistenti, adattandosi alle condizioni meteo e alla visibilità. L’intervista al colonnello Nicola MiranteComandante del Comando Provinciale Carabinieri.


Print Friendly and PDF

TAGS