Gli studenti del D’Aosta in visita ai Laboratori del Gran Sasso

di Redazione | 08 Aprile 2024 @ 11:51 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Alle 14.00 del 5 aprile 2024, i due minibus in partenza per i Laboratori Nazionali del Gran Sasso dal piazzale antistante l’Istituto d’Istruzione Superiore D’Aosta a L’Aquila, hanno accolto i giovani partecipanti al PCTO inclusivo in corso da qualche settimana presso l’Agenzia delle Entrate dell’Aquila e finanziato grazie alle risorse messe a disposizione da Micron. I docenti dell’IIS D’Aosta affiancano i giovani allievi in questo percorso che consentirà loro di acquisire quelle competenze necessarie per un primo approccio al mondo del lavoro.

Il percorso, di cui stanno facendo esperienza i giovanissimi autistici, comprende attività strutturate attraverso le quali i ragazzi hanno la possibilità di osservare l’ambiente lavorativo e scoprire al tempo stesso i propri punti di forza. La visita ai Laboratori del Gran Sasso va ad accrescere il bagaglio di esperienze di questi giovani che così hanno la possibilità di esplorare un ulteriore contesto professionale.

L’azione progettuale, resa possibile grazie ad una forte sinergia tra gli organismi coinvolti, quali Scuola, Associazione, Agenzia delle Entrate e Micron, rappresenta un rilevante sostegno formativo per gli studenti e favorisce la relazione e l’apprendimento tra pari. 

“Quella che raccontiamo oggi non è solo una storia di inclusione ma è soprattutto una storia di condivisione e di crescita, di accoglienza di ogni diversità, per perfezionare il nostro stare insieme in questo mondo”. Così dalla direzione di Autismo Abruzzo.

“Desideriamo ringraziare di cuore il Direttore e il personale dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso per aver accolto i ragazzi e i docenti insieme al nostro team e, ancora una volta, rivolgiamo un plauso a Manuela Seminara, Ambasciatore Micron Foundation e Senior Manager Talent Acquisition EMEA, e a Giovanni Cappelli, funzionario Micron e volontario Abruzzo Autismo Onlus, per aver dato il via a una nuova forma di inclusione”. 


Print Friendly and PDF

TAGS