“Gli hotel di Roccaraso non sono all’altezza del Napoli”, tutti contro Marsilio

Marinelli: "Gravi dichiarazioni da Marsilio, chieda scusa"

di Redazione | 17 Luglio 2020, @08:07 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Gli hotel di Roccaraso non sono all’altezza del Napoli”, questa la dichiarazione ‘infelice’ del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, a proposito del ritiro del Napoli Calcio a Castel di Sangro. E’ stato chiaro fin da subito che le parole di Marsilio avrebbero provocato polemiche e difese d’ufficio più consone a una campagna elettorale che non a una bella notizia per il territorio.

Il primo a rispondere alle dichiarazioni di Marsilio, è stato il sindaco di Roccaraso, Francesco Di Donato: ”Forse Marsilio non ha la piena cognizione del nostro potenziale, le sue dichiarazioni danneggiano l’immagine dei nostri alberghi che stanno facendo sforzi inimmaginabili per garantire un servizio di livello in questo contesto di grande difficoltà”.

Sulla questione si è pronunciato anche Daniele Marinelli, responsabile Economia e Lavoro Pd Abruzzo, che ha affermato: “Ancora una volta Marsilio dimostra di non conoscere l’Abruzzo, esprimendosi, da straniero, in modo superficiale e grossolano. L’improvvida dichiarazione del Governatore indigna particolarmente poiché arriva in una fase molto complessa per tutte le imprese del settore alberghiero, densa di comprensibili difficoltà e incertezze. Il Presidente della Regione – aggiunge – dovrebbe aiutare, agevolare la ripresa, offrire soluzioni concrete per la ripartenza, invece di affossare le strutture ricettive con parole senza senso e senza connessione con la realtà. C’è voluto l’intervento saggio di un giornalista, durante la trasmissione che ha ospitato questo pessimo scivolone di Marsilio, per ricordargli quale sia la storia delle nostre città e delle nostre località turistiche, che esigono dal Presidente della Regione il rispetto e la lungimiranza dell’istituzione e non lo sguardo corto del funzionario di partito. Marsilio chieda scusa, archiviando questa vicenda come un brutto infortunio, e si metta a lavoro per  trasformare l’occasione del ritiro del Napoli in una vera opportunità di ripresa e di sviluppo. Per Castel di Sangro, per Roccaraso e l’Alto Sangro, per la Regione Abruzzo”.

Silvio Paolucci, capogruppo del Partito Democratico in Consiglio regionale,  ha commentato: “Spendere 6 milioni di euro di fondi pubblici per promuovere l’Abruzzo e poi danneggiare l’immagine della principale stazione turistica della nostra montagna, dà l’idea dell’approssimazione con la quale si muove questa Giunta regionale che continua mostrarsi inutile e dannosa. Marsilio continua a dimostrare di essere un alieno nella nostra regione. Roccaraso non solo è la punta di diamante del nostro turismo montano, ma ha avuto un passato importante nell’ospitalità proprio delle squadre di calcio”.

Marianna Scoccia, consigliera regionale di minoranza, attacca duramente il presidente: “Non è tollerabile che Marsilio, in un’intervista, probabilmente non avendo contezza di quello che realmente offre l’Alto Sangro, disprezzi un comune a vocazione turistica come Roccaraso e tutte le sue strutture. Sono al fianco degli albergatori di Roccaraso e al Sindaco Francesco Di Donato che, da anni, offrono un servizio di altissimo livello ospitando gli utenti dei numerosi eventi nazionali e internazionali che si tengono sul territorio e nell’innovativo comprensorio sciistico, e non meritano di essere sminuiti dal Presidente romano. Meritiamo tutti, invece, un Governatore che conosca i territori, che cerchi di valorizzare l’Abruzzo intero in ogni occasione, senza lasciarsi andare a giudizi lontani dalla realtà. Dobbiamo lavorare in maniera unita per far conoscere la nostra Regione e non essere i primi a sottovalutarci”.

 

Print Friendly and PDF

TAGS